Prato, controlli a tappeto: più di 700 abitazioni non allacciate alla rete del gas

firenze_polizia_municipale_laboratorio_abusivo_cinesi_alimentiPiù di 700 abitazioni che non risultano allacciate alla rete cittadina del gas e che quindi utilizzano combustibili diversi. Quasi 200 i sopralluoghi effettuati. 180 gli impianti per cui è già stata pianificata la verifica a tappeto con sopralluogo per il mese di gennaio 2014. Sono questi, in estrema sintesi, i risultati dell’attività di accertamento di PUbliEs Energia Sicura, che gestisce per conto del Comuned di Prato il catasto e le verifiche agli impianti termini, a seguito dell’entrata in vigore nell’ottobre 2012 del nuovo regolamento di Polizia urbana sulle norme per la civile convivenza in città. Particolare attenzione è stata posta alla detenzione e al deposito di materie infiammabili, fra cui in particolar modo le bombole di gas GPL.

Un’attività lanciata all’Amministrazione comunale per contrastrare i problemi legati agli impianti alimentati con le bombole – ritenuti più pericolosi a causa delle caratteristiche del combustibile e di come viene utilizzato – e quindi censire gli apparecchi presenti in città alimentati con bombole. PubliEs ha iniziato l’attività conoscitiva partendo dalle zone della città a più alta densità di immigrazione o segnalate come ‘a rischio’ dall’Amministrazione comunale, individuando le abitazioni sprovviste di metano e richiedendo ai relativi proprietari o conduttori informazioni sulla tipologia impiantistica utilizzata per cucina, produzione acqua calda e riscaldamento. L’attività è tuttora in corso e sono già stati incrociati decine di migliaia di dati riferiti ai residenti nel territorio comunale con quelli del catasto impianti termici di PubliEs, che conta oltre 64mila impianti.

Ad oggi sono state interessate dalla verifica circa il 60 per cento delle strade cittadine. Ai residenti delle abitazioni interessate, sono state inviate lettere con moduli di autocertificazione pre-affrancati, con cui si richiedono informazioni sull’impiantistica utilizzata nell’abitazione per l’uso cucina, la produzione di acqua calda e il riscaldamento nonché la tipologia di alimentazione dei singoli apparecchi utilizzatori. Le Autocertificazioni devono poi essere inviate a PubliEs per i successivi riscontri. In caso di mancata risposta viene effettuato un controllo effettivo con sopralluogo. Chi invece invia il questionario rientra nei controlli a campione. Nel dettaglio l’attività fino ad oggi svolta ha permesso di individuare, più di 700 abitazioni che non risultano allacciate alla rete cittadina del gas e che quindi utilizzano combustibili diversi. Sono 330 le risposte pervenute e 370 i questionari non pervenuti. Quasi 200 i sopralluoghi effettuati. Sono 180 gli impianti per cui è già stata pianificata la verifica a tappeto (con sopralluogo) per il mese di gennaio 2014.

Leggi anche  Emergenza coronavirus: "Tutta Italia zona protetta"

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile