Firenze, occupazioni abusive. Essere in mezzo a una strada non è un’attenuante. Il tribunale condanna i senza casa

casa-occupataAnno nuovo, condanne nuove. Si è concluso questa mattina il logorante processo per l’occupazione della palazzina di Via Baracca 21 occupata da tre famiglie sfrattate nell’aprile del 2012. La sentenza è, ovviamente, una sentenza di condanna che infligge 5 mesi e 500 uero di multa per Lorenzo Bargellini, colpevole di essere un noto militante del movimento. Condanna a 6 dei sette occupanti a seicento euro di multa per il reato di occupazione abusiva. Assoluzione per uno degli imputati perchè non presente in Italia all’epoca dei Fatti. Condanna per tutti al risarcimento danni richiesto dalla parte civile nei confronti della proprietà, risrcimento danni da stabilire in separata sede.

Un processo caratterizzato da numerose udienze, con contraddizioni infinite, si è trasformato in un piccolo “processo politico” contro il movimento. Alla base della condanna resta la diffusione a macchia d’olio delle occupazioni di stabili, con pratiche di legittima resistenza alla devastante crisi economica. “Alla base di una condanna ridicola  – spiega l’unione inquilini – il tentativo di ostacolare le lotte del movimento, si tratta della quinta condanna penale nei confronti del movimento di lotta per la casa nel corso di questo ultimo anno”.

“Nessun fondamento giuridico sostiene una condanna a 5 mesi a Lorenzo  – prosegue il sindacato – se non unicamente essere considerato il mandante morale delle occupazioni di case a Firenze”.

“Se il movimento è colpevole di organizzare e diffondere la pratica dell’equa redistribuzione delle risorse, se il movimento è colpevole di organizzare le lotte per la riappropriazione dei bisogni vitali, allora siamo tutti colpevoli! sentenzia il sindacato degli inquilini.

Leggi anche  Naufragio in Tunisia , Unhcr chiede di porre fine alla detenzione in Libia

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile