Profughi, Viminale: il sistema di accoglienza è al collasso

sbarchi-immigrati-libia“Il sistema dell’accoglienza è al collasso, non abbiamo più luoghi dove portare i migranti e le popolazioni locali, non solo quelle siciliane, sono ‘indispettite’ da questi nuovi arrivi che disturbano anche le attività ordinarie”. Ad affermarlo è Giovanni Pinto, direttore centrale dell’Immigrazione e della polizia delle frontiere presso il Viminale. “Abbiamo portato prosegue Pinto – a 16mila posti Sprar per l’accoglienza diffusa ma non sono sufficienti. Adesso il Dipartimento per le libertà civili sta pensando a un piano per accogliere 50 mila persone. Un nostro esperto immigrazione a Tripoli parla di 800mila presenze in territorio libico pronte a partire verso l’Europa. L’operazione Mare nostrum ha dato risultati eccellenti ma ha anche incrementato le partenze dalla Libia.Ogni mese di pattugliamento costa 9 milioni e mezzo di euro. A questa somma vanno aggiunti, per il solo 2014, 1,27 milioni per i 31 voli charter di rimpatrio: 21 per l’Egitto, 8 per la Tunisia e 2 per la Nigeria. Altri 2,5 milioni sono serviti per i voli di trasferimento interno dei migranti verso le varie località di destinazione. Questa ultima voce è stata coperta da finanziamenti europei, ma ora servono altri fondi”.

Leggi anche  Coronavirus, isolato il virus responsabile dell'epidemia