Ebola: nuovo caso sospetto alle Hawaii. Paziente in isolamento al Regina Medical Center

Ebola: nuovo caso sospetto alle Hawaii. Paziente in isolamento al Regina Medical Center

ebolaNuovo caso sospetto di Ebola negli Stati Uniti, stavolta alle Hawaii. Il Dipartimento della Salute ha confermato un paziente è attualmente in isolamento e sottoposto a test a Honolulu. Una persona – secondo l’emittente Abc – è stata messa in isolamento per gli accertamenti del caso, per aver mostrato sintomi compatibili con quelli provocati dal virus della febbre emorragica. L’Hawaii Nurses Association ha riferito che la persona è in trattamento presso il Regina Medical Center. Melissa Viray del Dipartimento alla Sanità dello stato delle Hawaii ha specificato: “l’ospedale dove si trova il paziente e sta prendendo tutte le precauzioni necessarie per l’isolamento dell’individuo e per la sicurezza della comunità, come è giusto che sia”. Tuttavia – ha precisato – “non è ancora certo che la persona abbia il virus dell’ebola o l’influenza, la malaria e il tifo.La Dr. Viray,osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non ha confermato alcun dettaglio circa il paziente, i sintomi, o se la persona aveva recentemente viaggiato in Africa occidentale.

Intanto sono state monitorate a Dallas circa 100 persone venute a contatto con iun altro malato. Il cittadino liberiano Thomas Eric Duncan, 42, entrò in contatto indiretto con circa 100 persone, dopo l’arrivo a Dallas il 20 settembre. È stato ricoverato all’ospedale domenica dopo che era visitato giovedì scorso. A quattro membri della sua famiglia è stato ordinato di rimanere in isolamento a casa, senza visitatori, fino al 19 ottobre.

La prima vittima di Ebola negli U.S.A.. probabilmente è entrato in contatto indiretto con almeno 80 persone a Dallas, in Texas. Secondo i funzionari del Ministero della salute, dopo il 15 settembre, il 42enne avrebbe avuto contatti diretti con una giovane donna colpita da Ebola il 15 settembre, soltanto cinque giorni prima della partenza per gli Stati Uniti. Marthalene Williams si era ammalata di Ebola e la famiglia era stata costretta prendere un taxi per portarla in ospedale visto che nessuna ambulanza era disponibile. Duncan li aveva aiutati, hanno detto al quotidiano americano i genitori della giovane. Marthalene aveva le convulsioni, era incita di sette mesi, ma in ospedale non c’era posto per lei. Il portavoce del Texas Department of State Health Services,Carrie Williams ha dichiarato ” Per un eccesso di cautela, stiamo iniziando a monitorare in modo ampio non solo i familiari ma anche tutte le persone che hanno avuto anche brevi incontri con il paziente o frequentato la casa del paziente,”. “Il numero scenderà concentrando la nostra attenzione su quelli il cui contatto può rappresentare un rischio potenziale di infezione”. Quattro chiusura famiglia membri devono rimanere isolato nella loro casa di Dallas fino al 19 ottobre, hanno detto i funzionari di salute. Tra le persone potenzialmente esposte al virus anche cinque bambini. Il sovraintendente del distretto scolastico di Dallas, Mike Miles, ha detto che questa settimana i cinque bambini hanno regolarmente frequentato le lezioni, dopo essere stati in compagnia dell’uomo contagiato nel fine settimana. Nessuno dei ragazzi ha finora mostrato i sintomi dell’Ebola, ha detto Miles, aggiungendo che ora i bimbi sono tenuti sotto controllo a casa.Duncan ha lasciato Monrovia, capitale liberiana, il 19 settembre e ha trascorso le successive 28-ore un viaggio diretto a Dallas, con scali a Bruxelles, in Belgio e negli aeroporti di Dulles fuori Washington..Duncan si presentò al Texas Presbyterian Hospital giovedì scorso con sintomi quale vomito e febbre, ma gli somministrarono antibiotici e mandato a casa, anche se aveva riferito ad un infermiere di avere viaggiato recentemente proveniente dalla Liberia devastata dalla Ebola.Il nipote di Duncan ha detto alla NBC News ” Ci sono voluti una chiamata ai centri per controllo della malattia e prevenzione per ottenere un’attenzione medica adeguata per l’uomo”.Secondo il dottor Frieden, direttore dell’American Center for Disease Control (CDC), osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, “nessun rischio” che la persona ha potuto infettare i passeggeri a bordo dell’aereo che lo ha portato in Texas, anche perchè non aveva nessun sintomo in quel momento. Il virus Ebola non si trasmette per via aerea. Esso non può essere trasmesso che il contatto diretto dei fluidi contaminati, come sangue o saliva. Il direttore del CDC ha riferito che solo i pazienti con sintomi sono contagiosi. Nessuna paura per la diffusione della malattia.Le autorità stanno offrendo ora la migliore assistenza al paziente e stanno facendo di tutto per evitare ulteriori infezioni. Essi considerano anche la possibilità di utilizzare un trattamento con un farmaco sperimentale o usando plasma sanguigno proveniente da un altro paziente che ha recuperato dalla malattia.Si cercherà in queste ore monitorare le persone che sono state a contatto con il paziente e seguirli per 21 giorni per verificare l’eventuale insorgenza dei sintomi. Se necessario, saranno messi in isolamento

Leggi anche  Flc Cgil Toscana :"Misure urgenti per i Precari".Presidio davanti la Prefettura

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile