Pesca: Emilia-Romagna, Veneto e Friuli chiedono al Ministero la gestione delle misure di interesse locale

Bologna –  Agricoltura – Fondo europeo del mare e della pesca: Emilia-Romagna, Veneto e Friuli chiedono al Ministero la gestione delle misure di interesse locale

mercato del pesceAlla vigilia dell’approvazione del Piano operativo nazionale per il Feamp, il Fondo europeo per la pesca 2014-2020, attesa per i primi mesi del 2015, le Regioni del Distretto per la pesca dell’Alto Adriatico – Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia – chiedono che venga mantenuta essenzialmente a livello locale la gestione delle misure per l’acquacoltura e la vallicoltura; la competitività; l’ammodernamento delle barche e dei macchinari; la trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici; la ristrutturazione dei porti.

Della richiesta, sulla quale si è espresso favorevolmente anche il rappresentante del Ministero delle Politiche agricole, si è fatto portatore l’assessore regionale all’agricoltura dell’Emilia-Romagna Tiberio Rabboni, coordinatore del Distretto, nel corso dell’ultimo incontro svoltosi a Bologna. Tra i temi affrontati nel corso della riunione, anche la sempre più difficile situazione dei Consorzi di gestione della molluschicoltura. Le crescenti difficoltà di reperimento delle vongole, infatti, si sommano a regole europee sulle misure ammesse per il prodotto raccolto, che, secondo i molluschicoltori, non solo non rispecchiamo la reale situazione produttiva, ma che non riconoscono nemmeno alcuna flessibilità per il raccolto fuori norma. Rabboni ha dato la disponibilità delle Regioni riunite del Distretto a richiedere a Ministero e Ue, sulla base dei dati scientifici illustrati nel corso dell’incontro, una revisione dei parametri attualmente ammessi.

Leggi anche  Siena, La Polizia di Stato arresta un 57enne per maltrattamenti in famiglia

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile