Canale di Sicilia, 15 migranti gettati in mare e annegati perché cristiani (video)

L’odio religioso dei musulmani contro i cristiani ha causato una strage su un gommone carico di immigrati nel Canale di Sicilia: dodici cristiani sono stati gettati fuori bordo e annegati dai loro compagni di fede islamica. E’ la storia che i superstiti hanno raccontato appena sbarcati a Palermo, dove la polizia di Stato ha fermato 15 profughi, tra i quali un minorenne, tutti musulmani, con l’accusa di omicidio plurimo aggravato dall’odio religioso. E le indagini non sono concluse. Gli investigatori della Squadra mobile stanno infatti verificano se altri immigrati abbiano partecipato all’eccidio.

Leggi anche  Migranti, la Sea Watch a poche miglia da Lampedusa