Ast e Anci scrivono bando tipo per assunzione giornalisti negli uffici stampa dei Comuni

Firenze – Come dev’essere fatto un bando pubblico per un posto da giornalista nell’ufficio stampa. Uno schema tipo, trasformato in una lettera inviata dall’Anci Toscana a tutti i comuni della regione, è nato grazie alla collaborazione fra il presidente e il segretario dell’Anci, Matteo Biffoni (che è anche sindaco di Prato) e il segretario Simone Gheri con Sandro Bennucci, presidente dell’Associazione Stampa Toscana e Dario Rossi, presidente del Gus (gruppo uffici stampa). L’obiettivo? Fare chiarezza sui compiti e sull’inquadramento dei giornalisti e aiutare amministratori e tecnici a predisporre bandi corretti e completi. Come detto nella lettera, l’Associazione Stampa Toscana si mette a disposizione (in modo del tutto volontariato) delle amministrazioni per fornire chiarimenti e assistenza.

Macchina per scrivere

Questo il testo della lettera spedita dall’Anci a tutte le amministrazioni comunali toscane:

“Caro sindaco,

come saprai, sono sempre di più le amministrazioni comunali che decidono di dotarsi di un ufficio stampa, sia singolarmente che in forma associata. Un. iniziativa prevista dalla legge (la 150/2000), ma che purtroppo non sempre viene concepita e realizzata seguendo le regole che la stessa legge prescrive.
Dopo un incontro con i vertici dell’Associazione Stampa Toscana, che ha posto ufficialmente il problema all’attenzione della nostra associazione, abbiamo concordato di inviare a tutti i Comuni questa comunicazione, con l’obiettivo di fare chiarezza e di aiutare amministratori e tecnici comunali a predisporre bandi corretti e completi. Questo a beneficio sia delle stesse amministrazione, che potrebbero rischiare di vedersi impugnare l’atto, sia dei giornalisti che intendono partecipare al bando stesso.
A questo scopo, ecco un promemoria che certamente potrà essere utile: indica gli elementi che non dovrebbero mancare in un bando pubblico per un posto di giornalista in un ufficio stampa. I punti sono:

– il riferimento normativo alla legge 150/2000 sull’informazione nella PA;

– la richiesta di iscrizione all’Albo dei giornalisti (sia professionisti che pubblicisti);

– la presenza di almeno un giornalista (Ast è disponibile in modo volontario) nella commissione di esame per una corretta valutazione tecnica dei requisiti richiesti e dell’eventuale svolgimento delle prove pratiche;

– il riferimento alla corretta iscrizione ad una delle voci previdenziali previste dall’Inpgi a seconda dell’inquadramento previsto;

– nel caso di co.co.co, la presenza di una testata registrata, quindi di un direttore responsabile e di almeno un giornalista assunto a tempo determinato o indeterminato nella redazione.

Ultima informazione importante: l’Associazione Stampa Toscana è disponibile a fornire chiarimenti ed assistenza, nonché (in modo volontario) a partecipare alla stesura dei bandi, in modo tale che siano redatti correttamente. Naturalmente anche Anci Toscana è a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Certo del tuo interesse, ti saluto cordialmente”

Simone Gheri

Leggi anche  Chianciano Terme, arrestata coppia ungherese ricercata per estradizione

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile