Sei esplosioni scuotono Giacarta. Attentato con sei morti in un conflitto a fuoco: 14 terroristi si danno alla fuga

Giacarta – La notizia è arrivata dall’account Twitter della polizia nazionale indonesiana, nel messaggio si annunciava che tre aggressori erano stati uccisi e quattro sono stati arrestati. Secondo fonti giornalistiche si stimano almeno tre kamikaze coinvolti. In precedenza, un portavoce della polizia ha affermato che tre poliziotti e tre civili sono stati uccisi nell’attacco nel centro di Jakarta; riferisce la Reuters.Esplosione Giagarta

La polizia indonesiana ha riferito che ad aver agito sarebbe stato un commando di 10-14 uomini armati. Il presidente indonesiano Joko Widodo, ha esortato il pubblico a non speculare su chi era dietro gli attacchi. Jokowi ha interrotto il suo viaggio a Java per tornare a Jakarta.

Mentre il capo dell’intelligence indonesiana ha detto che l’attacco è stato “definitivamente classificato come terroristico”. Non ci sono ancora indicazioni precise che l’attacco sia stato commissionato dall’Isis. L’Indonesia è il più popoloso paese musulmano del mondo e ha già affrontato i problemi con gruppi terroristici locali.

“Non abbiamo visto nulla di simile in Indonesia – una sorta di attacco mirato internazionale – da un certo numero di anni”, ha detto a CNBC Steve Wilford, direttore per l’Asia-Pacifico per l’analisi del rischio globale. “Ci sono almeno 500 indonesiani che sappiamo essere tornati dal Medio Oriente”. Wilford ha notato che ci sono anche circa 30 organizzazioni in Indonesia che affermano di essere affiliate allo Stato islamico.

Questo non è l’unico recente episodio di violenza in Indonesia di recente, Wilford ha osservato. “In realtà c’è stato un certo numero di questi attacchi in Indonesia che non sono giunti all’opinione pubblica, perché considerati come atti di dilettanti”, ha detto.

Leggi anche  Campidoglio, PM10 oltre limiti legge. Domani stop ai veicoli più inquinanti e ai diesel fino a Euro 6

L’ultimo attacco, focalizzato sul quartiere centrale degli affari. Secondo l’account Twitter ufficiale di polizia di Jakarta, una esplosione è avvenuta di fronte al centro centro commerciale Sarinah, frequentato da gente del posto e stranieri. Media hanno riferito che un posto di polizia, al di fuori del centro commerciale, è stato fatto saltare in aria. L’area è anche sede di hotel di lusso e alcune ambasciate.

L’attacco è stato probabilmente programmato per colpire il traffico all’ora di pranzo e si è concentrato sulla convergenza vicino alla zona di massima sicurezza di Jakarta. La posizione è a breve distanza dalla Ambasciata degli Stati Uniti e di altri uffici governativi” ha detto un consulente in un rapporto Giovedi.

Un’esplosione è avvenuta in un caffè Starbucks e le forze di sicurezza sono successivamente entrate nell’edificio, secondo la Reuters. “Le finestre del caffè di Starbucks si spengono. Vedo tre morti sulla strada. C’è stata una pausa, ma qualcuno è sul tetto dell’edificio e la polizia punta le armi contro di lui” ha riferito un fotografo di Reuters. Probabilmente un osservatore con un telecomando per una bomba a tempo o un cecchino.

Tri Seranto, una guardia di sicurezza della banca, ha dichiarato all’Associated Press di aver visto almeno cinque terroristi, tra cui tre kamikaze che si sono fatti esplodere nello Starbucks. Ha detto che gli altri due, portavano pistole, sono entrati in un posto di polizia da dove si sono uditi spari. Poi ha visto un poliziotto morto e tre feriti gravi; secondo l’AP.

In una dichiarazione, Starbucks ha detto che un cliente è stato ferito e i suoi dipendenti sono stati portati al sicuro; la società ha detto che prevede di chiudere tutti i suoi negozi a Giacarta fino a nuovo ordine per cautela.

Leggi anche  Cremona:Operazione Aemilia - Confiscati beni per 40 milioni di euro

Il Jakarta Globe ha riferito sul suo sito web che un ufficiale di polizia ha detto che ci sono state indicazioni che alcuni dei colpi sono stati sparati dai cecchini negli edifici per uffici nella zona, anche se questo non ha potuto essere confermato.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile