Crisi umanitaria in Grecia. Il mondo se ne è dimenticato, la Croce Rossa no

Atene – Nonostante i colloqui in corso tra Unione Europea e Turchia sulla crisi di migranti in Grecia, ogni giorno in media più di 1.300 persone bisognose di aiuto continuano ad arrivare sulle isole greche. Nelle scorse settimane oltre 35.000 migranti sono rimasti bloccati in tutta la Grecia. La situazione è particolarmente grave nel nord del Paese, con circa 20.000 persone, per lo più famiglie, in attesa vicino al confine.

“Ci stiamo muovendo il più velocemente possibile per accrescere la nostra risposta. Al momento, abbiamo decine di migliaia di persone bloccate a Idomeni e nella zona circostante. Il 60 per cento sono donne e bambini”, ha detto Angelica Fanaki, responsabile delle attività per i migranti della Croce Rossa Ellenica. “Il cibo scarseggia, la situazione sta peggiorando e in molti hanno atteso per più di due settimane senza un adeguato riparo e vestiti. Anche ad Atene, nelle isole e in varie città greche ci sono persone bloccate”.

Grecia Crisi Umanitaria Caritas

“Dall’inizio della crisi la Croce Rossa Ellenica sta sostenendo quasi un milione di migranti che hanno attraversato il Paese. Dato che la situazione sta peggiorando e le persone si trovano a dover restare sul territorio per lunghi periodi di tempo, la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa sta aumentando in maniera significativa le sue attività di assistenza per riuscire a soddisfare le crescenti esigenze umanitarie”, ha spiegato Karen Helene Bjørnestad, capo della FICR in Grecia. Esperti nella salute e nei servizi di distribuzione dell’acqua e igienico-sanitari stanno attualmente valutando le necessità più urgenti con le Società Nazionali di tutta Europa, pronti a dare con tempestività un ulteriore sostegno. La Federazione porterà più cibo, equipe mediche e forniture sanitarie, nonché tutti gli altri aiuti umanitari necessari. Il sostegno di emergenza sarà rivolto principalmente al nord della Grecia, data la grave situazione, ma anche alle aree intorno ad Atene e nella Grecia continentale.

Leggi anche  Migranti Palermo, la protesta di Biagio Conte

Più di 132.000 migranti sono arrivati in Grecia durante i primi mesi del 2016, rispetto ai 6000 giunti nello stesso periodo dello scorso anno. Quasi il 75 per cento sono in fuga da paesi in guerra, come Siria e Iraq. A causa delle nuove norme introdotte al confine tra i paesi lungo il percorso dei Balcani occidentali, migliaia di migranti indifesi sono ora costretti ad attendere in condizioni precarie.

Le attività della Croce Rossa Ellenica in tutta la Grecia

Isole
Oltre il 90 per cento di tutti i migranti diretti in Europa arrivano su gommoni precari nelle diverse piccole isole greche. La Croce Rossa Ellenica ha fornito sostegno a centinaia di migliaia di persone in tutta Lesvos, Kos, Chios e Samos distribuendo beni di prima necessità, svolgendo primo soccorso, sostegno psicologico e attività per i bambini. Squadre di volontari del soccorso hanno aiutato migliaia di persone lungo le coste. La Croce Rossa ha provveduto alle ricariche telefoniche, ad installare stazioni WiFi, ad effettuare telefonate gratuite verso le famiglie; apposito personale ha inoltre aiutato migliaia di persone a mettersi in contatto con le famiglie e ad accedere a informazioni di base.

Atene
La Croce Rossa Ellenica è operativa nei centri di accoglienza temporanei di Atene con la distribuzione di beni di prima necessità, la fornitura di servizi sanitari e linee telefoniche in varie lingue. La Croce Rossa Ellenica (HRC – Hellenic Red Cross) è una delle poche organizzazioni che forniscono aiuti umanitari alle migliaia di persone attualmente bloccate al porto del Pireo, compresi generi alimentari, prodotti per l’igiene, una unità medica mobile e attività per bambini. Inoltre, l’HRC sta aiutando i senzatetto, compresi i migranti, presenti nelle piazze principali e in altre zone di Atene, distribuendo beni di prima necessità, svolgendo attività di primo soccorso e dando le informazioni necessarie.

Leggi anche  L’esodo venezuelano continua senza sosta: 3,4 milioni di persone in fuga

Grecia del Nord
La Croce Rossa Ellenica sta assistendo i migranti accampati al confine, a Idomeni, dall’inizio della crisi, con una clinica sanitaria, la distribuzione di pacchi alimentari, prodotti per i bambini, acqua, kit per l’igiene, stuoie e sacchi a pelo, organizzando anche attività per i bambini. Di recente a Idomeni il personale medico della Croce Rossa ha trattato oltre 120 pazienti per otto ore al giorno. Su richiesta delle autorità, il personale della Croce Rossa Ellenica sta fornendo inoltre assistenza medica e distribuendo generi di soccorso al campo Diavata, di recente istituzione. Le attività della Croce Rossa in tutto il nord della Grecia dovrebbero essere potenziate a breve.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile