Regione Veneto,Vaccini: ” Si all’informazione corretta. No all’ obbligarieta’ “

Venezia,

“La letteratura scientifica, non un blog qualsiasi, ci dice con certezza che i vaccini non fanno male, rappresentano uno degli interventi più efficaci e sicuri a disposizione della Sanità Pubblica per la prevenzione primaria delle malattie infettive. Tale pratica comporta benefici non solo per effetto diretto sui soggetti vaccinati, ma in modo indiretto inducendo protezione nei soggetti che, per età e per motivi di salute non possono essere vaccinati. Il ritorno di malattie ora debellate costerebbe molte più morti e sofferenze delle poche e risolvibili reazioni avverse al vaccino. I medici hanno fatto bene a porre la questione sul piano della deontologia professionale, noi, come Regione, diciamo sì ai vaccini, no all’obbligatorietà, sì all’informazione corretta e capillare e in questo senso, da tempo, abbiamo in atto numerose iniziative, per giungere ad una adesione consapevole”.

Così l’Assessore regionale alla sanità del Veneto Luca Coletto, commenta la forte presa di posizione degli Ordini dei Medici con un documento che indica anche la possibilità di radiazione per gli associati che sconsigliano la vaccinazione. Il Codice di deontologia medica prevede tra l’altro che “il medico promuove e attua un’informazione sanitaria accessibile, trasparente, rigorosa e prudente fondata sulle conoscenze scientifiche acquisite e non divulga notizie che alimentino aspettative o timori infondati o, in ogni caso, idonee a determinare un pregiudizio dell’interesse generale” (art 55).

“Il Veneto – ricorda Coletto – dal 2008, in accordo con il Ministero della Salute, ha sperimentato con buoni risultati la non obbligatorietà, pur mantenendo una sorveglianza attiva semestrale che ci consente sempre di sapere quanti bambini non sono stati vaccinati e quanti sì, e di valutare quando si dovesse superare la soglia di rischio del ripresentarsi di malattie ormai eradicate e spesso mortali. Purtroppo negli ultimi tempi le campagne contrarie, soprattutto sul web, si sono moltiplicate, accompagnate anche da una serie infinita di vere e proprie bufale, e ora registriamo un calo delle adesioni”.

Leggi anche  Il premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina 2019 va a William G. Kaelin Jr, Sir Peter J. Ratcliffe e Gregg L. Semenza "

Durante gli ultimi 4 anni, 2012-2015 (coorti dei nati 2010-2013), si è passati da una copertura del 95,4% per le vaccinazioni ex-obbligatorie (difterite, tetano, poliomielite ed epatite B) ad una del 91,3 % con un calo di 4 punti percentuali.
La copertura per morbillo, parotite e rosolia ha subito un calo analogo passando da una copertura del 92,5% ad una dell’87,1% per il medesimo periodo. Il calo si è riscontrato su tutto il territorio regionale.

“Proprio per questo – fa notare Coletto – abbiamo dato il via a tutta una serie di iniziative d’informazione anche sul web e chiesto l’aiuto dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta sul territorio. Bisogna far sì che le giovani coppie vaccinino i loro piccoli e lo facciano consapevolmente informate”.

Una iniziativa di rilievo è quella presentata nei giorni scorsi dalla Prevenzione regionale alle Aziende Ulss inerente il corso on line “Tutto sui vaccini, in parole semplici”, rivolto a tutti i cittadini che desiderino informarsi nell’ambito del Piano formativo Regionale a sostegno del calendario vaccinale. Il corso è disponibile sulla piattaforma di e-learning HYPERLINK “http://www.formars.it” www.formars.it

Tale iniziativa è la prima realtà italiana ed è stata messa a disposizione di tutte le Regioni.

Il materiale si compone di una parte di informazioni sulle vaccinazioni e sui motivi per cui è importante vaccinarsi con schede informative sulle singole malattie infettive prevenibili con il vaccino.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile