Turchia, Del Grande: Giani, Gabriele libero subito

Il presidente del Consiglio regionale interviene sulla vicenda del blogger toscano arrestato il 9 aprile scorso al confine con la Siria e trattenuto in un centro di detenzione amministrativa

Firenze – “A dieci giorni da quello che chiamo un sequestro contrabbandato da fermo di polizia, la voce dei toscani, attraverso il Consiglio regionale, deve levarsi forte: vogliamo Gabriele Del Grande libero”. Così il presidente dell’Assemblea toscana, Eugenio Giani, invita tutti ad una grande mobilitazione e annuncia l’esposizione di un manifesto davanti all’ingresso di palazzo del Pegaso per “dare sempre più eco a questa vicenda”.
“Guai a ripetere quanto successo per il caso Regeni. A noi tutti il compito di amplificare il grido del popolo toscano per Gabriele libero” continua Giani non nascondendo la sua preoccupazione. “Non concedere ai legali di poter constatare lo stato di detenzione del nostro concittadino non fa ben sperare”. “A maggior ragione la Toscana deve alzare la voce ancora più forte e il nostro Parlamento deve sbrigarsi ad approvare la legge che riconosce il reato di tortura” conclude il presidente.

Leggi anche  Catania, Atterraggio d'emergenza per mancata apertura del carrello

La tua opinione