Unhcr, per i rifugiati del Sud Sudan sono necessari più di 1,4 miliardi di $

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP) sollecitano tutti i donatori affinché vengano fatti maggiori sforzi a sostegno dei rifugiati in fuga dal Sud Sudan. Secondo l’ultimo piano presentato lunedì a Ginevra, alle organizzazioni umanitarie servono 1,4 miliardi di dollari statunitensi per il 2017, per assicurare assistenza di base ai rifugiati sudsudanesi ospitati attualmente nei sei Paesi vicini.

Il piano in risposta alla crisi di rifugiati del Sud Sudan finora è finanziato solo al 14%. “Il violento conflitto e il deterioramento delle condizioni umanitarie nel Sud Sudan stanno spingendo un numero record di persone a lasciare le loro case”, ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi.

La situazione in Sud Sudan continua a peggiorare e il sovrapporsi di diversi fattori tra cui il confitto, la siccità e la carestia, portano ulteriori spostamenti di persone e un rapido esodo di quanti fuggono da una delle crisi più gravi al mondo.

“La sofferenza che sta vivendo il Sud Sudan è inimmaginabile,” ha affermato il direttore esecutivo del WFP David Beasley. “Sono ad un passo dall’abisso e la violenza è alla base di questa crisi. Le organizzazioni umanitarie spesso non sono in grado di raggiungere le persone più vulnerabili che hanno maggior bisogno di aiuto. Molti muoiono di fame e a causa delle malattie, mentre molti altri sono dovuti fuggire per cercare sicurezza altrove”.

Il Sud Sudan ormai è diventato il Paese con il tasso di rifugiati più in rapida crescita al mondo, con più di 1,8 milioni di rifugiati, di cui un milione di bambini, che hanno cercato rifugio in Uganda, Sudan, Etiopia, Kenya, Repubblica Democratica del Congo e Repubblica Centro Africana.

Leggi anche  Trati in salvo 13 migranti dalla motovedetta CP 286 della Guardia costiera di Livorno.

Il numero di persone che sono fuggite dal Sud Sudan ha superato le stime della comunità umanitaria, che già erano molto pessimistiche. Nel mese di marzo, ad esempio, il numero di rifugiati ha superato la cifra attesa per l’intero anno. L’Uganda sta gestendo un numero di arrivi superiore al previsto, e a questo ritmo probabilmente presto arriverà ad ospitare oltre un milione di rifugiati sudsudanesi.

“La carenza di fondi ci ha costretti a fare dei tagli alle razioni alimentari di molti rifugiati in Uganda”, ha dichiarato Beasley. “Io lo trovo inaccettabile, e spero di non essere l’unico. Sono famiglie come le nostre, sono nostri fratelli e sorelle e il mondo deve aiutarli ora – non c’è tempo da perdere. Aiutateci a fare qualcosa perché ne hanno bisogno.”

L’UNHCR ha accolto con gratitudine l’incredibile generosità dimostrata ai rifugiati dai Paesi dell’area, ma è allarmato dalla criticità della situazione.

“Paesi come l’Uganda hanno fatto tutto il possibile, ma non saranno in grado di sostenere ulteriormente i rifugiati, a meno che il resto del mondo non faccia la sua parte,” ha sottolineato l’Alto Commissario Grandi, durante la presentazione del piano a Ginevra.

Finanziamenti insufficienti rendono difficile il lavoro delle agenzie umanitarie, che stanno faticano a fornire cibo, acqua, sostegno alimentare, rifugio e servizi sanitari ai rifugiati.

Le comunità che stanno ospitano i rifugiati sono tra le più povere del mondo e vivono una pressione immensa. “Aiutare i rifugiati non è solo questione di prima assistenza”, ha dichiarato Grandi dell’UNHCR. “Significa anche sostenere i governi, le comunità e l’economia dei Paesi che li accolgono.”

L’UNHCR sta gestendo la risposta all’emergenza con i governi, le agenzie umanitarie, le comunità ospitanti e i rifugiati stessi. Attualmente l’Uganda ospita circa 898.000 rifugiati, il Sudan 375.000, l’Etiopia 375.000, il Kenya 97.000, la Repubblica Democratica del Congo 76.000 e la Repubblica Centrafricana 2.200.

Leggi anche  Francia, trasfeririti i profughi della “Giungla” di Calais

Il WFP fornisce assistenza alimentare e denaro a più di 1,8 milioni di rifugiati nei Paesi limitrofi. Il piano di risposta aggiornato non copre le necessità umanitarie di circa due milioni di persone sfollate all’interno del Sud Sudan.

La tua opinione