Mps, Cgil e Fisac Cgil Toscana: “Diffusi numeri in libertà, sarebbero inaccettabili”

Mps, Cgil e Fisac Cgil Toscana: “Vengono diffusi numeri in libertà su esuberi e chiusure, ci auguriamo sia un poco responsabile gioco tattico. 10mila posti di lavoro e centinaia di sportelli da tagliare? Sarebbe inaccettabile”. Appello al Governo e a Bruxelles

Firenze, 23-5-2017 – Mps, la dichiarazione congiunta di Dalida Angelini (segretaria generale Cgil Toscana) e di Daniele Quiriconi (segretario generale Fisac Cgil Toscana):

“Il via libera al piano di ricapitalizzazione e rilancio stenta ad arrivare da parte delle autorità europee; nello stesso tempo anche in queste ore le agenzie di stampa, riprendendo indiscrezioni di autorevoli testate giornalistiche internazionali, diffondono numeri in libertà su esuberi e chiusure di sportelli.

Ci auguriamo che anche questo faccia parte di un poco responsabile gioco tattico, perché l’idea di 10.000 posti di lavoro da tagliare e di centinaia di sportelli da chiudere troverebbe un muro da parte delle organizzazioni sindacali.

Sarebbe inaccettabile perché i lavoratori hanno già pagato in questi anni un prezzo alto attraverso sacrifici salariali e occupazionali, ma soprattutto perché una scelta di questo genere prefigurerebbe il venir meno del ruolo della banca come soggetto unico e vettore di sviluppo dell’economia della regione e del paese.

Al Governo italiano chiediamo un ruolo più attivo di interdizione a progetti insensati industrialmente, e alle autorità di Bruxelles decisioni rapide che tengano insieme l’interesse dei lavoratori e l’interesse generale del Paese”.

Leggi anche  Siena, spaccia marijuana in appartamento. Denunciato

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile