Giornata mondiale dell’incontinenza

Dall’incontinenza si può guarire e con successo. Questo il messaggio che si porta con sé la Giornata nazionale per la prevenzione e la cura dell’incontinenza, organizzata dalla FINCO, Federazione Italiana Incontinenti, e dal Ministero della Salute, per lunedì 26 giugno e alla quale aderisce anche l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese. Nel dettaglio la dottoressa Anna Bernabei sarà a disposizione per consulenze gratuite, senza appuntamento, nell’ambulatorio n. 3 di Uro-Ginecologia al IV lotto piano 5S dalle ore 9 alle ore 13, mentre i fisioterapisti forniranno la loro consulenza nell’ambulatorio di Riabilitazione Funzionale al lotto 1, piano 1S, stanza 1, dalle ore 13,30 alle ore 15. “L’incontinenza colpisce cinque milioni di persone in Italia – spiega la dottoressa Bernabei della UOC Ostetricia e Ginecologia del policlinico senese – ma i dati a nostra disposizione sono probabilmente sottostimati, dato che ancora solo una minoranza chiede assistenza. Le terapie esistenti sono multiple e consolidate, è necessaria una diagnosi precisa e accurata; nell’ambito di questa giornata l’obiettivo è quello di promuovere l’attenzione e l’informazione sui problemi delle persone incontinenti. Ma sarebbe ancora più importante fare prevenzione – conclude Bernabei – per questo in Ginecologia è attivo da un anno ormai, l’ambulatorio per il benessere del pavimento pelvico in gravidanza e puerperio: qui alle donne in stato interessante viene spiegato come preparare il pavimento pelvico al parto per prevenirne eventuali lesioni che rappresentano il fattore di rischio maggiore per l’insorgenza di tutte le disfunzioni del pavimento pelvico, come l’incontinenza urinaria e fecale, ed il prolasso genitale”. Alle Scotte inoltre è attiva una stretta collaborazione tra le unità operative di Ostetricia e Ginecologia, Urologia, Chirurgia, Andrologia e Chirurgia dell’apparato genitale maschile, Neurologia e Riabilitazione funzionale.

Leggi anche  Treviso, infermiera simula la vaccinazione, in realtà butta via la fiala

La tua opinione