Boom, Pitti Blooms

BOOM, PITTI BLOOMS, sarà il tema guida dei saloni estivi di Pitti Immagine. A Pitti Filati 81, l’energia vitale e la bellezza sorprendente dei fiori si sprigionerà alla Fortezza con caleidoscopici colori.
Fiori che sbocciano come nuove idee creative: improbabili, effervescenti, ironici. Talora sotto forma di macro aiuole gonfiabili, sculture abnormi, bouquet volanti o ventagli a forma di fiore. A Pitti Filati, un mondo fantastico di pattern originali e contrasti cromatici sarà declinato su facciate, spazi, oggetti.

Layout e direzione creativa a cura del lifestyler Sergio Colantuoni che seguirà anche il progetto di allestimento alla Fortezza da Basso.
facebook
twitter

PITTI FILATI 80: LA PAROLA AI BUYER!
01.03.2017
Diana Lee, Director of Knitwear Proenza Schouler, New York:
Partecipo a Pitti Filati da molte edizioni. Perché? E’ bellissimo vedere tutte le collezioni in un’unica location e registrare le prime impressioni in merito alla prossima stagione, in questo caso la Primavera/Estate 2018. Qui possiamo confrontarci con i proprietari dei maglifici, con gli Export Manager, possiamo esplorare nuove tecniche e idee grazie ad un contatto diretto. La sezione Knitclub è fondamentale, ospita maglifici con cui lavoriamo abitualmente ma propone sempre nuove aziende. Le presentazioni delle aziende sono molto curate e ben organizzate.

Elisa Sangalli, Designer Developpeur Louis Vuitton Malletier, Parigi:
Perché è importante Pitti Filati? Sicuramente per vedere le nuove tendenze della maglieria, ma anche per incontrare personalmente i fornitori, confrontarci con loro, cercare di trasmettere i valori e le nuove idee di collezione. E’ fondamentale capire come si muove il mercato, la sua direzione e le tendenze di prezzo: la fiera è una vera occasione di incontro. A noi buyer poi è riservato un trattamento d’eccezione e questo è il risultato di un grandissimo servizio.

Leggi anche  Moda, tendenze estate 2017

Floriana Zuppardo, Ricerca Filata Prada Donna, Milano:
Pitti Filati ospita tutti i più importanti fornitori del mondo della maglieria, è fondamentale parteciparvi! Questa edizione, pur presentando le collezioni estive che solitamente registrano un’affluenza leggermente minore, ha tenuto ben alti i suoi standard. La fiera è molto ben organizzata, il suo layout pulito e regolare. Mi piace molto che oltre alle grandi aziende del settore vengano presentate anche realtà nuove. Siamo sempre alla ricerca di nuove proposte! Le aree Fashion At Work e Knitclub sono davvero interessanti perché completano la proposta della maglieria e permettono di risolvere più problemi all’interno dello stesso ambito fieristico.

Stephanie Venditto, Manager R&D Knits & Sweaters Tory Burch, New York:
E’ sempre un piacere partecipare a Pitti Filati! Vi scopriamo novità importanti, consolidiamo realtà conosciute, in ogni caso è un appuntamento imprescindibile del nostro calendario perché è una vera e propria community di addetti del settore. Confrontarsi con loro, conoscerli personalmente, rende la fiera così importante e unica: nessun altro show riesce a regalarti la stessa sensazione. Molto utili le sezioni Fashion at Work e Knitclub, belle le presentazioni degli stand. Pitti Filati ti accoglie in un’atmosfera sempre molto piacevole, è semplice da visitare, da qualche edizione ancora di più grazie all’App dedicata.

Angela Klein, Designer Xcel Brands, New York:
E’ la prima volta che partecipo a Pitti Filati e la fiera mi piace molto. Il layout è pulito, semplice da visitare, e i maglifici hanno fatto davvero un ottimo lavoro con le loro presentazioni che uniscono moda ed estetica. È un appuntamento importante per conoscere le nuove tecnologie del settore, le novità del mondo dei filati e instaurare una connessione con i maglifici selezionati. E poi in fiera si percepiscono sempre tante ispirazioni e per noi designer è un aspetto fondamentale! Lo Spazio Ricerca poi, esplorando tutti i diversi aspetti del viaggio, racconta una vera e propria storia attraverso gli abiti: i suoi colori sono bellissimi. Molto utile anche l’area Fashion at Work, dove ho scoperto tecniche nuove importanti.

Leggi anche  Diva, i gioielli che piacciono alle donne

Hayley Osborn, Senior Designer Women’s Knitwear Calvin Klein Platinum, New York:
Sono una veterana di Pitti Filati! La fiera permette di vedere tutte le nuove tendenze in un’unica location…E che location! Scoprire il mondo della maglieria italiana nella propria dimensione culturale è un valore aggiunto. L’atmosfera è tranquilla, il tema di ogni edizione è molto creativo, il layout e le presentazioni dei vari brand sono curati e lo Spazio Ricerca regala una grande ispirazione. Mi piace che Pitti Filati cerchi di esplorare il mondo dell’abbigliamento, non fermandosi ai filati ma approdando anche ai loro possibili utilizzi. La creazione dell’App è fantastica! La fiera è ancora più semplice da visitare.

Doreen Chiang, Product Manager Filippa K, Stoccolma:
Sono una habitué di Pitti Filati e vi ho visto un’energia davvero positiva, tantissimi compratori europei, e questo mi ha trasmesso una sensazione di grande speranza. La manifestazione fiorentina è più compatta delle altre fiere di settore, qui è più facile trovare quello che si cerca e gli espositori sono nel business da tanto tempo. Inoltre è un’opportunità grandissima per incontrare personalmente i fornitori, è un mix di aziende internazionali e questo permette di avere una panoramica di quello che succede in tutto il mondo. Lo Spazio Ricerca mi è piaciuto molto, ha proposto dei colori bellissimi.

Fabio Borrello, Giorgio Armani, Milano:
Pitti Filati è un appuntamento molto importante, al quale partecipiamo sempre con grande piacere per scoprire le nuove tendenze, i filati e tutte le novità del settore. Molto stimolante lo Spazio Ricerca, ottima l’organizzazione.

La tua opinione