Morto sul lavoro a Pontedera, Cgil Toscana: ” Insopportabile “

Morto sul lavoro stamani a Pontedera, Fuso (Cgil Toscana): “È successo di nuovo, è insopportabile. Non possiamo accettare questi episodi come la normalità. Ora che si parla di ripresa economica dobbiamo impedire che avvenga con l’aumento di infortuni e morti sul lavoro”

Firenze – Morto sul lavoro stamani a Pontedera, la nota di Mauro Fuso (Cgil Toscana): “Ancora, è successo di nuovo. Oggi un lavoratore non tornerà a casa dai suoi cari. Come fermare questa spirale di morti che non ci abbandona? Ci vuole un impegno straordinario delle istituzioni, delle forze politiche e sociali, nostro, del sindacato, da mettere in campo soprattutto sul piano della cultura e del valore del lavoro. Non c’è lavoro di qualità e buon lavoro se ci sono movimenti con possibile rischio, talvolta mortale. Ecco che la responsabilità sociale dell’impresa diventa un concetto immediatamente concreto. Non abbassiamo la guardia perché non possiamo accettare questi episodi come la normalità. Ora che si parla di ripresa economica dobbiamo impedire che avvenga con l’aumento di infortuni e morti. In questo momento il nostro pensiero va a Fabio, morto sul lavoro, le condoglianze e la nostra solidarietà ai suoi familiari per il dolore che dovranno sopportare. La nostra battaglia per la sicurezza continuerà anche in memoria di Fabio. Per non dimenticare lui e tutti gli altri caduti sul lavoro”.

Leggi anche  Uccisa giovane di 25 anni perche' voleva sposare un italiano

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile