Teatro La Fenice di Venezia : Luigi Dallapiccola e le Arti figurative – presentazione volume

“Che cos’è la dodecafonia? È anche uno stato d’animo” diceva Luigi Dallapiccola, quarto padre della dodecafonia – insieme a Arnold Schönberg, Alban Berg, Anton Webern – e artista tra i più straordinari della storia musicale del nostro Novecento che ha compiuto la sua rivoluzione dodecafonica nello stile italiano. Per la prima volta il volume Luigi Dallapiccola e le Arti figurative di Mario Ruffini, edito da Marsilio, ci permette di ripercorrere tutta la ricchezza della storia di Dallapiccola attraverso una vera e propria opera omnia, un lavoro editoriale monumentale che sul modello di una grande antologia di testi, scritti, bozzetti, disegni, ci dà testimonianza di incontri e rapporti fondamentali della sua esistenza: da Matisse a Mario Luzi a Antoine De Saint-Exupéry. Un volume che arriva a compimento di una lunga indagine e rappresenta un vero evento editoriale, il più importante dedicato al compositore istriano-fiorentino. Il testo, che riunisce oltre mille immagini provenienti da teatri e archivi, frutto delle stesse collezioni d’arte di Dallapiccola e di sua moglie Laura, dà modo di conoscere il suo teatro musicale, il suo rapporto col cinema ma anche un percorso umano e spirituale che segue il fluttuare degli eventi della nostra storia. Luigi Dallapiccola con la sua vicenda artistica e personale attraversa infatti tutto il secolo scorso, la prima e la seconda Guerra Mondiale, le persecuzioni razziali con la dodecafonia che diventa anche un modo per affrancarsi dal fascismo. Una storia tutta da scoprire e assolutamente unica nel panorama musicale internazionale.

Il volume sarà presentato martedì 3 ottobre 2017 alle 17.30 al Teatro La Fenice di Venezia nelle Sale Apollinee.

Interverranno Maria Ida Biggi e Giandomenico Romanelli. Oltre alle parole ci saranno degli intermezzi musicali eseguiti da Alessandra Esposito (pianoforte), Tommaso Filippi (pianoforte) e Daniele Negrini (violino).

Leggi anche  Firenze,Bilancino, il lago dal concepimento alla realizzazione

La tua opinione