Femminicidio a Napoli: una donna uccisa e una ferita

Una donna di 61 anni è stata uccisa a coltellate e la sorella di 71 è stata ferita in un’abitazione del quartiere Ponticelli alla periferia di Napoli: fortemente sospettato di essere il responsabile dell’assassinio è un nipote della donna, rintracciato dai carabinieri che lo hanno bloccato sul tetto di un palazzo poco distante. Alla vista dei militari ha gettato l’arma ed è stato immobilizzato. Si tratta di un 39enne, agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. E’ stato portato in caserma.

La donna deceduta si chiamava Rosa Vitagliano. Al ‘112’ era giunta una segnalazione di una donna ferita all’interno della propria abitazione in Via Botteghelle nella zona periferica della città. La telefonata segnalava anche un uomo che fuggiva dalla casa, sui tetti, tenendo in mano un coltello. Sono intervenuti i carabinieri della Compagnia Poggioreale che lo hanno bloccato sul tetto di un palazzo poco distante.
L’uomo, secondo una prima ricostruzione dei militari, alla vista dei carabinieri ha gettato l’arma ed è stato quindi bloccato.
Gli investigatori hanno accertato che il 39enne ha ferito anche la sorella della 61enne, una donna di 71 anni, attualmente affidata alle cure dei medici dell’ospedale Villa Betania. La 61enne, soccorsa dal 118, è deceduta durante il tragitto verso l’ospedale

Leggi anche  Regione e diritti fondamentali: la Toscana verso un nuovo Difensore civico

La tua opinione