Torino, scoperta una discarica a cielo aperto

TORINO, 28 NOV – Una discarica a cielo aperto frutto di un traffico di smaltimento illecito di rifiuti per oltre 3mila tonnellate è stata scoperta dai Carabinieri del Noe di Torino in un’area industriale alla periferia della città. I militari hanno denunciato un settantenne torinese, amministratore di una società immobiliare, e due nomadi. E’ accaduto dopo il fallimento di un’azienda attiva nelle costruzioni stradali. Al termine della procedura concorsuale, il curatore fallimentare si è accordato per lo smaltimento dei rifiuti rimasti con la società immobiliare, proprietaria del capannone e dello spiazzo circostante su cui operava la ditta fallita. Il tutto nel rispetto della normativa ambientale. La proprietà, però, invece di rivolgersi a una ditta autorizzata, ha fatto ricorso a un gruppo di nomadi che, a poco prezzo e in modo illecito, ha scaricato i materiali (vernici, solventi, fusti contenenti oli esausti e bitumi, pneumatici, batterie e parti di autoveicoli, terre di scavo e legname) nelle campagne torinesi.

Leggi anche  Bergamo, automobilista travolge due ragazzi e ne uccide uno