Borraccino: “#LiberiEUguali, ci vuole un piano femminista

Borraccino: “#LiberiEUguali, ci vuole un piano femminista. Sinistra Italiana prepara proposta di legge con la parità di genere”

Nota del Consigliere regionale di Sinistra Italiana, Mino Borraccino.
“Al di là delle norme: un piano per recuperare la presenza delle donne nella politica. E’ questa la richiesta di Nicola Fratoianni.
La questione della scarsa presenza femminile nei luoghi di decisione politica è un dato che, a sessant’anni dall’acquisizione del diritto elettorale da parte delle donne, è sintomo di una sconfitta per la stessa democrazia e lascia aperto il problema del riequilibrio della rappresentanza e della realizzazione di una democrazia effettiva e non dimezzata.
La sottorappresentanza delle donne nelle assemblee elettive costituisce un problema in gran parte dell’Europa, ma è accentuato nei Paesi del Sud Europa e nel Sud dell’Italia. L’attuale Consiglio regionale della Puglia ne è una dimostrazione; infatti le donne sono poco rappresentate. Dunque si pone la necessità di istituire una nuova legge elettorale che contenga la parità di genere. Sinistra Italiana sta lavorando in tale direzione, e presenterà a breve la sua proposta.
Né vale ricordare che l’attenzione nei confronti della composizione per genere delle assemblee elettive è un dato abbastanza recente; il movimento per il diritto di voto delle donne, infatti, aveva posto l’attenzione sulla questione dell’elettorato attivo, considerando l’elettorato passivo come una sua conseguenza ovvia ed inevitabile.
Ma un soggetto politico nuovo, e di sinistra, come ‘Liberi e Uguali’ deve porsi assolutamente – al di là della denominazione, tutta maschile – l’obiettivo di promuovere la presenza e la militanza femminile, al di là delle stesse norme che fissano le quote minime di genere nella composizione delle liste. Crescono le compagne (e anche i compagni) che chiedono di fare un salto in avanti e che sia proprio la Sinistra a farlo.
La crisi della partecipazione è un fatto generale, causato dalla sfiducia diffusa nella classe politica, ma dentro questa crisi c’è l’allontanamento delle donne dai luoghi della politica, che sostanzialmente si rivelano escludenti, per le modalità e i tempi, rispetto alla partecipazione femminile.
Occorre rimediare con i fatti a questa situazione, e questo passo di civiltà lo dobbiamo compiere anzitutto noi di ‘Liberi e Uguali’”./

Leggi anche  Palermo, Matteo Renzi prova a evitare l'implosione del Pd in Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *