Borraccino: “Il caporalato nei call center ? Succede anche questo!”

Borraccino: “Il caporalato nei call center ? Succede anche questo!”

Nota del Consigliere regionale di Sinistra Italiana, Mino Borraccino.
“Un call center di Lizzano ha utilizzato alcune operatrici per oltre due mesi, senza mai pagarle.
Ciò, nonostante che fra i committenti del call center ci siano compagnie telefoniche di primo piano; e c’è da temere che anche questa volta (perché non è il primo caso del genere che si verifica) le compagnie diranno che non erano a conoscenza del fenomeno.
Nonostante le denunce presentate in passato dal sindacato e nonostante le verifiche che i committenti sono stati sollecitati a fare, non esiste al momento nessuna forma di controllo per distinguere i call center affidabili da quelli truffaldini.
Sta di fatto che affiora con sempre maggiore frequenza un fenomeno ignobile, che genera profitti illeciti sulla pelle di giovani lavoratrici e lavoratori, il cui unico scopo è quello di guadagnarsi da vivere. Ci aspettiamo, infatti, che – come è successo in altri casi – anche questa volta questi veri e propri caporali dei call center chiudano in fretta e furia la sede di Lizzano e ne aprano un’altra con un altro nome in un altro comune.
Allora chi ha l’obbligo di controllare, controlli davvero. A cominciare dalle società committenti, che – all’ossessiva ricerca di forme di risparmio purchessia – non possono più ‘scendere dalle nuvole’ di fronte al susseguirsi di vicende come questa,.
Anche per queste ragioni Sinistra Italiana è schierata contro l’emendamento del Governo alla Legge di bilancio, che favorisce la delocalizzazione di queste attività”.

Leggi anche  Gioco d’azzardo, in aumento i pazienti in cura

La tua opinione