UNHCR ELOGIA IL GOVERNO ITALIANO PER IL SUO IMPEGNO NEI CONFRONTI DEI RIFUGIATI NEL MONDO

UNHCR ELOGIA IL GOVERNO ITALIANO PER IL SUO IMPEGNO NEI CONFRONTI DEI RIFUGIATI NEL MONDO

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ringrazia il Governo italiano per aver contribuito nell’anno 2017 alle attività di UNHCR in 20 Paesi con una somma pari ad oltre 51 milioni di dollari.

Il Governo Italiano conferma il grande impegno a favore dei rifugiati, dei richiedenti asilo e degli sfollati interni nel mondo, aumentando il proprio contributo del 64%, da 31,3 milioni di dollari del 2016 a 51,4 milioni di dollari di quest’anno, attestandosi al 12° posto fra i donatori dell’UNHCR a livello globale.

Grande è stata anche la generosità dei cittadini italiani, che hanno donato oltre 21 milioni di dollari per migliorare la condizione di rifugiati e richiedenti asilo nel mondo.

Sono oltre 65 milioni le persone costrette ad abbandonare le proprie case in tutto il mondo. L’84% dei rifugiati è ospitato in Paesi a medio e a basso reddito, vicini alle zone di crisi. La comunità internazionale è chiamata ad intervenire in modo solidale per sostenere lo sforzo di protezione compiuto da questi Paesi e dalle comunità ospitanti, rispondendo alla necessità di condividere più equamente le responsabilità di accoglienza dei rifugiati e di assistenza nel ricostruire le loro vite.

Mentre emerge con sempre maggiore chiarezza il bisogno di uno sforzo comune per trovare soluzioni adeguate a prevenire e a risolvere le crisi che causano sofferenze e spostamenti forzati, è altrettanto necessario che, nel frattempo, rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni siano adeguatamente protetti e assistiti.

Si tratta di una responsabilità collettiva, che chiama in causa prima di tutto i Governi donatori, ai quali si chiede di rafforzare gli stanziamenti a favore delle persone costrette alla fuga per salvare la propria vita, di aumentare le quote di reinsediamento e di dare maggiori opportunità ai rifugiati nei Paesi ospitanti, favorendo, al contempo, un clima di apertura e di accoglienza.

Leggi anche  In Etiopia, a Doolo, si muore di fame

La tua opinione