UNHCR: Dai monsoni seri pericoli per i rifugiati Rohingya in Bangladesh

L’UNHCR – Agenzia ONU per i Rifugiati e gli altri partner, stanno accelerando gli sforzi per mitigare l’impatto dell’imminente stagione dei monsoni in Bangladesh. Le avverse condizioni meteo, inclusi probabili cicloni, potrebbero mettere in serio pericolo decine di migliaia di rifugiati Rohingya che vivono a Cox’s Bazar in insediamenti già congestionati.

Il governo del Bangladesh ha riconosciuto il pericolo e si è impegnato a compiere degli sforzi a riguardo, mentre organizzazioni delle Nazioni Unite e partner umanitari hanno messo su un gruppo di lavoro per prepararsi all’emergenza e coordinare gli sforzi.

I risultati dell’analisi iniziale dei rischi condotta mappando l’area di Kutupalong e Balukhali, il più grande insediamento di rifugiati al mondo, rileva che almeno 100.000 delle 569.000 persone ospitate corrono il grave rischio di subire frane e inondazioni. UNHCR, IOM, REACH e l’ADPC (Asian Disaster Preparedness Centre) hanno lavorato a stretto contatto con gli esperti dell’università di Dhaka per effettuare questa valutazione, dalla quale si evince che più di un terzo dell’area dell’insediamento è a rischio inondazioni, e come conseguenza diretta più di 85.000 rifugiati potrebbero perdere i propri ripari e altri 23.000 che vivono in aree in forte pendenza all’interno dell’insediamento potrebbero essere a rischio frane.

A questo si aggiunge il fatto che i servizi di base all’interno del campo, realizzati dalle agenzie umanitarie insieme al governo bengalese, quali latrine bagni, pozzi e centri medici corrano lo stesso rischio di essere spazzati via.

Le strade d’accesso all’insediamento potrebbero essere bloccate o inaccessibili ai veicoli, rendendo estremamente difficile fornire assistenza d’emergenza. C’è poi un grave rischio per la salute pubblica, con il diffondersi di epidemie.

L’UNHCR ha già intrapreso alcune azioni per proteggere i rifugiati nel migliore dei modi. Tra queste la consegna di nuovi kit per costruire ripari, nei quali sono inclusi anche dei sacchi di sabbia biodegradabili per ancorare le strutture, che sono più robuste e assicurano una migliore protezione alla pioggia.

Leggi anche  18 dicembre, Giornata Internazionale del Migrante

Sono inoltre in corso di svolgimento alcuni interventi di ingegneria allo scopo di costruire sentieri e scalinate rinforzate con canne di bambù, ponti rialzati, muri di sostegno in bambù, mattoni o cemento per stabilizzare il terreno e reti di drenaggio.

Nelle prossime settimane prenderà il via un lavoro meccanizzato su larga scala che livellerà alcune delle ripide colline al fine di ridurre il rischio di smottamenti e per aumentare la quantità di terreno utilizzabile. Inoltre, comincerà il ricollocamento di alcune famiglie che vivono nelle zone più precarie del campo e che rischiano di essere coinvolte nelle frane.

Si stanno approntando sistemi di preallarme, affiancati da campagne informative che segnalano alla popolazione dei rifugiati i rischi che potrebbero trovarsi ad affrontare. In precedenza, i rifugiati vivevano in zone pianeggianti nell’area di Maungdaw, nello Stato birmano di Rakhine e non hanno mai avuto a che fare con le frane.

Nell’ambito dei preparativi per la stagione dei monsoni, l’UNHCR sta lavorando con le autorità del Bangladesh e con altre agenzie operative negli insediamenti dei rifugiati per predisporre i materiali e i macchinari per i lavori pesanti.

La tua opinione