Montepulciano, furti in chiesa. Arrestato uomo di 57 anni

Venerdì scorso a Montepulciano, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per furto aggravato un campano di 57 anni, residente a Figline Valdarno, noto ai militari per precedenti denunce a carico. Attorno alle ore 15.30 di quel giorno egli si era introdotto all’interno della Chiesa del Gesù, a Montepulciano in via di Voltaia nel Corso e, salito su un tavolino, nel tentativo di appropriarsi di alcune catenine in presumibile oro, pendenti dalla statua di una madonna del XIX secolo, collocata a circa due metri di altezza, in una nicchia protetta da un vetro, aveva perso l’equilibrio cadendo rovinosamente. Non si sa se un intervento soprannaturale abbia contribuito all’evento. Fatto sta che, all’udire il botto, prontamente accorrevano una fedele e il parroco che, riservando il perdono a migliori circostanze, richiedeva l’intervento dei Carabinieri che immediatamente sopraggiungevano. Catturato il personaggio, i militari operanti rinvenivano sul luogo del delitto uno zaino contenente utensili vari appartenenti all’infortunato e che erano stati poco prima da lui utilizzati per rimuovere il vetro protettivo della sacra immagine. Veniva quindi eseguita una perquisizione presso il domicilio dell’arrestato. Ulteriori accertamenti documentali e la visione di fotogrammi ripresi tempo addietro da diverse telecamere pubbliche di Montepulciano, consentivano di collegare chiaramente Sempronio ad altri due furti compiuti in luoghi di culto del capoluogo poliziano. La persona arrestata veniva quindi deferita alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena anche per quei reati.
Nella rovinosa caduta il malfattore aveva riportato importanti lesioni a un piede, tanto da non poter in alcun modo scappare e dover necessariamente attendere con sommo dolore, non solo l’arrivo dell’ambulanza ma anche quello dei Carabinieri. Veniva quindi trasportato mediante un’ambulanza presso l’ospedale di Montepulciano. Una volta dimesso dal nosocomio, verrà tradotto agli arresti domiciliari presso il proprio domicilio, ove resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un primo episodio che viene contestato all’arrestato risale al 18 marzo scorso. In quella circostanza all’interno della Cattedrale di Piazza Grande, col medesimo modus operandi, il solito ignoto aveva frantumato un vetro di protezione per portar via da una nicchia due corone metalliche placcate in oro, applicate in rilievo sulla parte superiore della figura della Madonna e del Bambin Gesù, dell’affresco denominato “Madonna di San Martino”, dipinto risalente alla fine del 1600, di autore anonimo. Tornando indietro di nove mesi, uno sconosciuto dal volto parzialmente travisato, riuscendo ad eludere in parte il sistema di videosorveglianza della Chiesa di San Biagio, anche in quella circostanza dopo aver infranto il vetro di una teca, aveva portato via due corone in oro giallo applicate su un affresco di autore ignoto risalente al 1600, raffigurante una Madonna con bambino, denominato “Madonna del Buon Viaggio”, opera di notevole valore artistico e storico, censita alla sovrintendenza dei beni culturali di Siena. Le indagini dei Carabinieri di Montepulciano non sono ancora concluse in quanto si tratterà ora di monitorare con attenzione gli spostamenti nel tempo dell’arrestato all’epoca dei due furti.

Leggi anche  Palermo "La carovana volante" sabato 24 marzo al Teatro Massimo

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione