Siena, norme sulla prevenzione e controllo delle zanzare

A breve un altro incontro pubblico per continuare l’azione informativa del Comune

Ieri pomeriggio si è tenuto nella Sala di Palazzo Patrizi un incontro pubblico sul tema della prevenzione e controllo delle zanzare, in particolare dell’Aedes Albopictus (zanzara tigre).

Il Comune si propone a breve un altro appuntamento per fare il punto sugli interventi preventivi e distribuire gratuitamente un kit antilarvale per il trattamento delle aree private.

Nel corso dell’incontro, che ha visto la presenza di specialisti, biologi ed entomologi, sono state illustrate agli intervenuti le norme sulla prevenzione in ambito domestico, nonché gli accorgimenti e i comportamenti corretti per l’eliminazione di possibili focolai di infestazione. Infatti, ogni cittadino può contribuire a ridurre sensibilmente il livello di infestazione urbana, specialmente nelle aree private e non controllabili dalla Pubblica Amministrazione.

Nei pozzetti stradali, caditoie, tombini, dove non è possibile evitare i ristagni d’acqua, è opportuno utilizzare, con cadenza periodica da aprile a novembre, prodotti larvicidi, facilmente reperibili in commercio.

Per evitare la proliferazione delle zanzare si consiglia di: cambiare, almeno una volta a settimana, l’acqua nelle fontane, nei sottovasi e nelle vasche per l’irrigazione di orti e giardini; svuotare settimanalmente e tenere puliti gli abbeveratoi e le ciotole per l’acqua degli animali domestici; mantenere pulite le fosse di scolo e i canali di gronda; rimuovere sempre gli sfalci d’erba e tenere pulito il giardino; non abbandonare all’aperto contenitori che possano accumulare acqua piovana, come bidoni, barattoli, sottovasi, annaffiatoi.

Per informazioni e segnalazioni è possibile contattare l’ufficio Ambiente del Comune (via di Città n. 81) ai numeri 0577 292254/2330 oppure inviare una mail a ambeco@comune.siena.it.

Leggi anche  Sanità. Celiachia, dal 1^ luglio in Emilia-Romagna sarà più facile fare la spesa

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile