Arezzo, tra i finalisti l’Orchestra Multietnica

Arezzo tra i finalisti con il suo gruppo musicale dedicato alla multiculturalità: l’Orchestra Multietnica

Quando la realtà del quotidiano, con tutti i suoi drammi, incontra la sensibilità di un’autrice di canzoni, libri e pieces teatrali come Nini Giacomelli, la voce di una ricercatrice attenta come Ginevra Di Marco, l’impegno di una formazione eclettica come l’Orchestra Multietnica di Arezzo accompagnata da un gruppo di musicisti instancabili come Alessio Lega, Francesco Magnelli, Andrea Salvadori e Rocco Marchi, la recitazione intensa di un attore come Ascanio Celestini, la professionalità di un editore come Liberodiscrivere, di un illustratore come Marco Furlotti e di un videomaker come Riccardo Pittaluga, è facile che ne nasca un progetto al di là dell’ordinario come un libro e, soprattutto, una canzone dal titolo “Ninna Nanna in fondo al mare” annunciata pochi giorni fa tra le finaliste alla Targa Tenco 2018 nella categoria Canzone Singola.

Buone ragioni per gioire, dunque, per l’Orchestra Multietnica di Arezzo, anche se la realtà del quotidiano insiste nella sua drammaticità, e per invitare i suoi concittadini al concerto che martedì 17 luglio porterà sul palcoscenico dell’Arena Eden di Arezzo la formazione aretina diretta da Enrico Fink proprio con Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori, a conclusione di un percorso di lavoro sulla ricerca e la musicalità popolare iniziato in pieno inverno e prodotto grazie a Officine della Cultura. L’evento segnerà anche l’inizio ufficiale del Festival delle Musiche.

“Ninna nanna in fondo al mare” è una dolcissima ninnananna delicata e commuovente, che culla il sonno dei bambini e sveglia le nostre coscienze addormentate e che ha preso forma trovando sul suo percorso persone e artisti diversi, che hanno saputo unire i loro talenti per farsi portavoce di quanto narrato. Come per Marco Furlotti (illustratore di Parma che lavora con numerose case editrici a livello internazionale) che con le sue immagini è capace di cogliere insieme la disperazione di questo viaggio, l’innocenza (negata), i sogni e le paure dei bambini. Alessio Lega ha poi trasformato in canzone la filastrocca, ma l’intuizione musicale di Lega è tanto forte e riuscita da richiedere la collaborazione di altri musicisti e artisti. La prima persona ad essere coinvolta è Ginevra Di Marco, la voce femminile più bella del panorama musicale italiano, che coinvolge a sua volta i suoi musicisti (Francesco Magnelli e Andrea Salvadori) che pensano ad una collaborazione con i musicisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo. Questo immenso lavoro diventa uno splendido CD (mixato da Rocco Marchi), che mixa i suoni, le fatiche, le intuizioni, l’entusiasmo, la professionalità e la bravura di tutti quelli che hanno partecipato al progetto.

Leggi anche  Viterbo,cave di Basalto: condanna per escavazioni abusive

“Ninna nanna in fondo al mare” accarezza dolcemente come un’onda, che quando si spezza colpisce le nostre ipocrisie e contraddizioni ed “è dedicata a tutti i bimbi del mondo che hanno tutto il diritto di addormentarsi e tutti gli altri il dovere di svegliarsi”. È soprattutto la storia di un’immagine che non perde vigore nel tempo, la storia di un dono che continua a crescere e dare forza a un messaggio e a un dramma che non ci siamo ancora lasciati alle spalle, arricchendosi in continuazione di nuove voci, e nuovi portavoce.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile