Anief vince ancora in tribunale: doppia conferma dalla Corte d’Appello sul reinserimento in GaE

Anief vince ancora in tribunale: doppia conferma dalla Corte d’Appello sul reinserimento in GaE

In Calabria vince l’Anief anche in Corte d’Appello con una doppia sconfitta perpetrata al Miur sul diritto al reinserimento nelle graduatorie a esaurimento dei docenti cancellati per mancato aggiornamento. La vittoria arriva dalla Corte d’Appello di Catanzaro e da quella di Reggio Calabria che, a distanza di pochi giorni l’una dall’altra, danno piena ragione ai legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli, Francesca Lideo e Maria Schipani respingendo gli appelli proposti dal Miur e confermando il diritto al reinserimento dei docenti cancellati per mancato aggiornamento. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riaprire le GaE per tutti gli abilitati unica strada per riparare ai torti perpetrati per decenni a danno dei lavoratori precari della scuola.

L’esito ottenuto presso le due Corti d’Appello calabresi confermano ancora una volta la fondatezza delle tesi patrocinate dai legali Anief confermando che “Il tenore letterale della norma non lascia adito a dubbi nel senso che, laddove non presentata la domanda ed ottenuta in tal modo la cancellazione dalla graduatoria, il docente può, entro il termine fissato per l’aggiornamento periodico della stessa ed in occasione di ogni successivo aggiornamento, chiedere il reinserimento”. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “La normativa che tutela il diritto dei docenti cancellati a essere reinseriti nelle graduatorie ad esaurimento all’atto dell’aggiornamento successivo è chiara. La riapertura delle GaE continua a essere un provvedimento indispensabile per sanare le storture e le illegittimità perpetrate in questi anni non solo a discapito di tutti i lavoratori precari ingiustamente cancellati ‘a vita’ dalle Graduatorie per mancato aggiornamento, ma anche a danno di tutti i docenti abilitati cui è stato precluso il diritto all’immissione in ruolo attraverso il doppio canale di reclutamento cui altri abilitati hanno avuto accesso”.

Leggi anche  Milano scoppia incendio in una fabbrica. Sei operai colpiti da malore

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione