Nessuno tocchi Rosalia La misura della violenza è la parola delle donne – #ioticredo

Nessuno tocchi Rosalia
La misura della violenza è la parola delle donne – #ioticredo

Venerdì, 13 luglio 2018 dalle ore 18.00 alle ore 19.30 – Piazza Politeama

Anche quest’anno per ricordare insieme le donne vittime di feminicidio venerdì 13 luglio saremo in piazza Politeama dalle ore 18.00. Insieme, a chi vuole unirsi in segno di testimonianza e sensibilizzazione, disegneremo le sagome delle 114 donne uccise nel 2017.
I cittadini e le cittadine sono invitati/e a portare un fiore!

La Convenzione di Istanbul contro la violenza alle donne (ratificata dall’Italia con la Legge 27 giugno 2013, n. 77), riconosce con profonda preoccupazione che le donne e le ragazze sono spesso esposte a gravi forme di violenza, tra cui la violenza domestica, le molestie sessuali, lo stupro, il matrimonio forzato, che costituiscono una grave violazione dei diritti delle donne e delle ragazze e il principale ostacolo al raggiungimento della parità tra i sessi. La Convenzione afferma che le donne che soffrono violenze hanno diritto a servizi dedicati/specializzati e a servizi generali con personale formato e qualificato al fine di garantire misure di sostegno e di protezione adeguate alle tipologie di violenza che le donne e le ragazze hanno subito.

Come Rosalia, secondo la leggenda popolare a cui l’iniziativa si riferisce, fu vittima di quelle pressioni all’interno della sua famiglia da cui è riuscita a sfuggire con l’eremitaggio, molte donne nella vita di tutti i giorni soffrono violenze. Le donne, italiane e straniere, muoiono principalmente per mano dei loro mariti, ex-mariti, padri, fratelli, fidanzati o amanti, sfruttatori per le ragazze vittime di tratta.

Anche quest’anno vogliamo ricordarle e nello stesso tempo vogliamo dare seguito al movimento #metoo che ha attraversato il mondo rafforzando il principio che l’indicatore della violenza maschile verso le donne è “la parola della donna”: sosteniamo i Centri Antiviolenza che da più di vent’anni sono i luoghi fondati dalle donne dove questa parola viene accolta, creduta e trasformata in un percorso di uscita dalla violenza.

Leggi anche  Isis: "l'Italia è Il nostro prossimo obiettivo"

Succede che nonostante le donne chiedano aiuto ai servizi e alle istituzioni, non vengano credute. Operatori e operatrici dubitano della parola delle donne, si chiedono se non siano conniventi o addirittura provocatrici. Così proprio quelle donne che hanno la forza per riconoscere la violenza e chiedere sostegno subiscono nuovamente violenza, questa volta da chi dovrebbe aiutarle.

Si chiama vittimizzazione secondaria; per questo #ioticredo

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione