Luigi Di Maio, in pressing sul ministro dell’Economia, Giovanni Tria

Luigi Di Maio, in pressing sul ministro dell’Economia, Giovanni Tria, sulla manovra: “Nessuno ha chiesto le sue dimissioni, ma pretendo che il ministro dell’Economia di un governo del cambiamento trovi i soldi per gli italiani che momentaneamente sono in grande difficoltà”, afferma all’ANSA il vicepremier prima di partire per la sua missione in Cina.

“Gli italiani in difficoltà non possono più aspettare – ha insistito -, lo Stato non li può più lasciare soli e un ministro serio i soldi li deve trovare. Lo Stato è già in ritardo di 20 anni, ci sono famiglie italiane con figli in momentanea difficoltà, giovani senza lavoro, pensionati che con 500 euro non mangiano. Iniziamo a dare i soldi a loro. Poi semmai ci porremo il problema che non ci sono i soldi per dare stipendi a chi guadagna centinaia di migliaia di euro”, dice ancora Di Maio.

M5S rilancia poi sulle pensioni d’oro. “Andremo a tagliare le pensioni superiori ai 4.500 euro non giustificate dai contributi versati a chiunque, ad oggi, abbia preso anche solo un centesimo in più di quanto effettivamente dovuto”, afferma il portavoce M5S Davide Tripiedi, vicepresidente della commissione Lavoro alla Camera. “Ce lo chiedono tutti i cittadini onesti – prosegue – che per anni hanno dovuto pagare anche per i loro privilegi. In questo modo potremo aiutare milioni di persone in difficoltà, istituendo una pensione di cittadinanza di 780 euro”

Leggi anche  Macron e Merkel , Il lavoro che ci aspetta è importante in un contesto europeo profondamente scosso da Brexit e dalle elezioni italiane

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione