Premio nazionale di poesia in vernacolo siciliano “G. Meli”

Di Alfonso Stagno

Premio nazionale di poesia in vernacolo siciliano “G. Meli”

L’accademia Nazionale di Lettere, Arti e Scienze “Ruggero II di Sicilia”, indice e organizza il XXII Concorso Nazionale di Poesia in Vernacolo Siciliano “Giovanni Meli”. Scadenza il 28 Febbraio 2019.

1. Si partecipa con un massimo di tre poesie in Vernacolo Siciliano non manoscritte, ognuna in tre copie, anche edite, ma non premiate col primo, secondo e terzo premio, pena l’esclusione dal concorso.

2. Il tema è libero

3. Il contributo di partecipazione è di 25 euro (Venticinque / 00), a parziale copertura delle spese di partecipazione, organizzazione e Segreteria e si versa o in contanti o a mezzo di Assegno Bancario non trasferibile, intestato all’ing. Giuseppe Livreri – via E. Notarbartolo, 15, Palermo – 90141.

4. Nella busta contenete gli elaborati non firmati, dovrà essere inserita una busta più piccola chiusa con le generalità dell’autore, l’indirizzo, il numero telefonico fisso o cellulare e, se in possesso, l’email

5. Le poesie partecipanti al Concorso non devono superare le due cartelle e non saranno restituite.

6. Le buste con gli elaborati vanno spediti al Presidente dell’Accademia ing. Giuseppe Livreri, vie E. Notarbartolo 15, 90141 Palermo (Tel. 091-6257018 / Cel. 3284170156) entro e non oltre il 28 Febbraio 2019, oppure possono essere consegnati brevi manu al Presidente, all’indirizzo di cui sopra, previo appuntamento telefonico, sempre entro il termine di scadenza fissato.

7. Al 1° Premio Assoluto sarà consegnato il Gran Trofeo d’Onore dell’Accademia, il Diploma con la nomina di Accademico e il diploma di partecipazione con Merito al Concorso. Ad altri 9 (nove) concorrenti premiati saranno assegnati coppe e relativi Diplomi di Partecipazione con Merito. Altri 10 (Dieci) concorrenti segnalati con merito, saranno assegnate Medaglie Accademiche del Concorso e relativi Diplomi di Segnalazione d’Onore. Saranno altresi assegnati due premi Speciali: uno della Giuria e uno del Presidente dell’Accademia “Ruggero II di Sicilia”.

Leggi anche  "La classe operaia va in Paradiso", debutta al tetro Carignano di Torino

8. I Dieci vincitori e gli altri Dieci segnalati saranno avvertiti a mezzo lettera prioritaria. Essi dovranno ritirare personalmente i Premi assegnati. Sono ammesse le deleghe. I premi rimarranno a disposizione dei premiati per 3 (tre) mesi. Trascorso tale periodo, saranno messi in palio per il prossimo Concorso.

9. Durante la Cerimonia di premiazione saranno lette le recensioni dei vincitori del primo; del secondo e i due preimi speciali della Giuria e del Presidente. Gli elaborati più meritevoli saranno pubblicati sull’Antologia “Vita Accademica” A. A. 201/2019, Alcune riviste letterarie, ben note in campo nazionale, pubblicheranno i nomi dei vincitori e dei segnalati. I nomi dei componenti la Giuria saranno resi noti durante la cerimonia di premiazione. Il giudizio della Commissione Giudicatrice è inappellabile. La cerimonia di premiazione sarà entro la seconda decade di Maggio 2019

10. Il Concorso Nazionale “Giovanni Meli” non è patrocinato da alcun Ente pubblico o privato.

11. La partecipazione al Concorso comporta l’accettazione automatica delle leggi vigenti della privacy e del presente regolamento

12. Tutti i concorrenti al Concorso, vincitori e non, saranno avvertiti con lettera postale. Per eventuali maggiori informazioni, telefonare o scrivere al Presidente dell’Accademia Ing. Giuseppe Livreri, ovvero inviare una all’indirizzo e – riportato nella parte bassa dell’immagine.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione