Siena, WTE Unesco World Tourism Event for Unesco cities and sites

Presentata questa mattina in Regione Toscana la seconda edizione senese del WTE Unesco World Tourism Event for Unesco cities and sites, il salone mondiale dei siti Unesco, che si terrà a Siena dal 28 al 30 settembre.

Ad ospitarlo sarà, ancora una volta, il complesso museale del Santa Maria della Scala, che per l’occasione aprirà le sue sale affrescate. Il WTE diventerà parte integrante del percorso di visita del museo, che per i tre giorni sarà ad ingresso gratuito.

All’incontro con la stampa, giovedì 20 settembre nella Sala Cutuli della Regione, erano presenti l’Assessore al Turismo della Regione Toscana, Stefano Ciuoffo, Alberto Tirelli, Assessore al Turismo del Comune di Siena, Alberto Peruzzini, Direttore Toscana Promozione Turistica e Marco Citerbo, Direttore World Tourism Event.

Ad aprire gli interventi è stato il Direttore di Toscana Promozione Turistica, Alberto Peruzzini, che ha ricordato come il Wte Unesco sia il primo di un ricco calendario autunnale di appuntamenti nazionali in Toscana. “ Un evento -ha spiegato- che cresce di anno in anno proprio per il forte interesse degli operatori turistici. L’importanza di lavorare sulla promozione dei siti Unesco -ha proseguito- sta anche nel fatto che poi di questa promozione beneficiano anche i territori circostanti, con un modello su più ampia scala dell’offerta turistica regionale.

“Teniamo molto a questa iniziativa -ha detto l’Assessore al Turismo del Comune di Siena, Alberto Tirelli, ringraziando la Regione Toscana e gli organizzatori del Salone- e ci impegniamo anche per i prossimi anni, qualora si voglia proseguire questa collaborazione. Ci tengo, peraltro, ad allargare la visibilità anche ai comuni delle terre di Siena, proprio nell’ottica di una promozione più ampia dell’offerta. Nei tre giorni dell’evento -ha concluso Tirelli- daremo a tutti l’accoglienza più calorosa possibile.”

Leggi anche  Palermo, seminario su: “Accrescere le potenzialità del sito UNESCO arabo normanno”

Il Wte Unesco è stato definito dall’Assessore al Turismo della Regione Toscana, Stefano Ciuffo “un’occasione estremamente positiva di avere tanti operatori turistici interessati a conoscere la nostra bella Toscana”. “Portarli a Siena -ha spiegato ancora Ciuoffo- significa portarli in un luogo a cui non potranno restare indifferenti e questo è il messaggio ulteriore di questo evento, la possibilità di comunicare il valore culturale del viaggiare, l’opportunità di divulgare i contenuti e i significati che stanno nel nostro patrimonio.”

Il programma dettagliato dell’evento è stato, infine, reso noto da Marco Citerbo, Direttore del Salone, che ha ricordato come per questa nona edizione del Wte saranno oltre 120 i siti Unesco presenti e molti anche i tour operator, sia italiani che stranieri, che hanno fatto dei viaggi nei siti Unesco un’offerta specifica del loro catalogo.

Organizzato da M&C Marketing Consulting con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, del MIBAC, dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, della Regione Toscana, di Toscana Promozione Turistica, del Comune di Siena, di Confindustria Toscana Sud e con il supporto di Enit, il Salone intende essere non solo un momento di promozione delle città e dei siti patrimonio dell’Umanità, ma anche occasione di riflessione e confronto sulle tematiche legate allo sviluppo di un turismo sostenibile, che preservi il patrimonio culturale locale e ne faccia, in maniera responsabile, il volano di sviluppo del territorio.

Il programma della kermesse prevede -secondo un format ormai consolidato- una parte nella quale il pubblico potrà ammirare e conoscere i numerosi siti Unesco presenti e avere tutte le informazioni per organizzare un viaggio da sogno e un’altra di approfondimento, con incontri e seminari rivolti ad un pubblico esperto e agli operatori.

Leggi anche  Siena, incidente sul lavoro. Operaio muore nella cava di Rapolano

Tra le novità dell’edizione 2018 la presenza, per la prima volta della Nuova Caledonia, che proprio quest’anno festeggia i dieci anni del riconoscimento della sua laguna -15mila km quadrati di acque cristalline, fondali marini tra i più belli del mondo e spiagge da sogno- a patrimonio dell’Umanità Unesco. Oltre ad avere informazioni e pacchetti speciali per un soggiorno indimenticabile, il pubblico e gli operatori avranno l’opportunità di conoscere la grande bellezza della Nuova Caledonia nell’ambito dell’incontro “La laguna della Nuova Caledonia: patrimonio dell’umanità per bellezza e paradiso di biodiversità” (Sabato 29, Sala Sant’Ansano, ore 15,30).

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione