Obesity day”, l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese partecipa alla campagna di sensibilizzazione annuale

Obesity day”, l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese partecipa alla campagna di sensibilizzazione annuale di ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica
La dottoressa Barbara Paolini, UOSA Dietetica e Nutrizione Clinica: «Informazione, conoscenza e coinvolgimento diretto della cittadinanza: è questa la “ricetta” per combattere obesità, patologia di cui è affetto il 10% della popolazione italiana»
Mercoledì 10 ottobre

Incontri, consulenze gratuite e distribuzione di materiale informativo alla cittadinanza. Così l’UOSA Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese celebra l’Obesity Day in programma a Siena, come negli altri centri d’Italia, mercoledì 10 ottobre. Dalle ore 9 alle ore 14, e dalle 14.30 alle 16, i professionisti del policlinico Santa Maria alle Scotte saranno all’ingresso dell’ospedale, nei pressi dell’edicola, per la campagna di sensibilizzazione dedicata alla prevenzione di sovrappeso e obesità, promossa ogni anno da ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. «Informazione, conoscenza e coinvolgimento diretto della cittadinanza: è questa la “ricetta” per combattere obesità – spiega la dottoressa Barbara Paolini, medico dell’UOSA Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Aou Senese e vicesegretario di ADI -. La campagna Obesity Day punta annualmente a far conoscere la prevalenza, la gravità e lo stigma correlato all’obesità. In Italia, una persona su dieci è obesa, mentre il 36% della popolazione è sovrappeso (con preponderanza maschile, 45,5%, rispetto alle donne, 26,8%. Dati ADI). La prevenzione è un’arma importante per combattere l’obesità ma occorre fare molto di più. Per questo l’iniziativa si pone l’obiettivo di aumentare la consapevolezza per migliorare la qualità di vita delle persone, coinvolgendo medici, istituzioni e cittadini. Solo conoscendo la gravità clinica che l’obesità rappresenta – conclude la dottoressa Paolini – si possono superare tutti quei fattori che impediscono alle persone di ottenere il trattamento medico ottimale di cui i pazienti hanno bisogno».

Leggi anche  “Un governo cinico e disumano sta divorando conquiste di civiltà sancite dalla nostra Carta Costituzionale”

In allegato una foto della dottressa Barbara Paolini, medico dell’UOSA Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Aou Senese e vicesegretario di ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione