Torino, debutta La Maladie de la Mort al teatro Carignano

LA MALADIE DE LA MORT
da Marguerite Duras
adattamento Alice Birch
con Laetitia Dosch, Nick Fletcher
narratrice Jasmine Trinca
regia Katie Mitchell

regista associato Lily McLeish
regia video Grant Gee
scene e costumi Alex Eales
musiche Paul Clark
sound design Donato Wharton
video design Ingi Bekk
collaboration video design Ellie Thompson
luci Anthony Doran

C.I.C.T Théâtre des Bouffes du Nord / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale /
Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Emilia Romagna Teatro Fondazione / Fondazione Teatro Metastasio – Prato / Les Théâtres de la Ville de Luxembourg / Théâtre de la Ville – Paris / Le Théâtre de Liège / MC 2 Grenoble / Edinburgh International Festival / Barbican – London / Stadsschouwburg – Amsterdam / TANDEM scène nationale
in collaborazione con Mayhem
si ringrazia la Comédie-Française
con il sostegno dell’Institut français Italia e della Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea

Spettacolo in lingua italiana e francese con soprattitoli in italiano
Consigliato ai maggiori di 18 anni

La maladie de la mort nasce dall’incontro tra la scrittura di Marguerite Duras e lo stile di quella che è considerata la più importante regista britannica del momento, Katie Mitchell. Lo spettacolo, con l’adattamento di Alice Birch, è interpretato da Laetitia Dosch, Nick Fletcher e Jasmine Trinca (nel ruolo della narratrice).
La maladie de la mort è una grande coproduzione internazionale realizzata dal C.I.C.T Théâtre des Bouffes du Nord, insieme a 4 teatri italiani: Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Fondazione Teatro Metastasio – Prato e a 8 teatri europei.
Debutterà, in prima italiana, al Teatro Carignano di Torino, il 3 e il 4 novembre 2018.

Leggi anche  Roma, Notte Musei 2019: alta la partecipazione nei Musei Civici

L’iconoclasta regista britannica Katie Mitchell crea dal racconto di Marguerite Duras uno spettacolo cinematografico sul tentativo (fallito) di amare. Un set “in presa diretta” che fa del voyeurismo il tema centrale. Un viaggio nelle pieghe più profonde e morbose dell’eros.

Per Marguerite Duras, La maladie de la mort altro non è che l’incapacità di amare. A questo tema la scrittrice francese, autrice de L’amante, ha dedicato uno dei suoi racconti più provocatori e perturbanti. Liberamente ispirato a quel testo, nell’adattamento di Alice Birch, è lo spettacolo omonimo che porta la firma della acclamata regista britannica Katie Mitchell, una delle figure più
influenti del teatro contemporaneo.
Una grande produzione internazionale, partecipata dal Teatro Stabile di Torino, che ha debuttato a gennaio in prima mondiale al Théâtre des Bouffes du Nord di Parigi. Mitchell ripropone il concetto della Duras – un uomo e una donna, in una stanza d’hotel, stabiliscono una relazione sessuale perversa ma non riescono ad entrare in vera intimità – e lo fa con una lettura “cinematografica”, costruendo un set con tre macchine da presa che seguono morbosamente, in presa diretta, la dinamica tra i due protagonisti (Laetitia Dosch e Nick Fletcher). L’obiettivo vero dell’osservazione non sono i singoli personaggi quanto le categorie che rappresentano, i generi:
il Maschile, il Femminile. Sulla scena si percepisce una minaccia incombente: la Duras inserisce
il confronto uomo-donna in una dimensione misteriosa che prende la forma di un thriller psicologico, spiega la regista. Un viaggio nelle pieghe più profonde dell’eros, tra voyeurismo e pornografia. La voce narrante è di Jasmine Trinca.

La tournée dello spettacolo in Italia

Leggi anche  Sala ONU del Teatro Massimo "Bastiano e Bastiana" di Wolfgang Amadeus Mozart

Londra, Teatro Barbican: dal 3 al 6 ottobre 2018

Liegi, Théâtre de Liège: dal 10 al 13 ottobre 2018

Torino, Teatro Carignano: 3 e 4 novembre 2018 – Prima italiana
Stagione del Teatro Stabile Torino – Teatro Nazionale

Roma, Teatro Argentina: 8 e 9 novembre 2018

Bologna, Teatro Arena del Sole – Sala Leo de Berardinis: dal 13 al 16 novembre 2018

Prato, Teatro Fabbricone: dal 20 al 23 novembre 2018

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione