Emilia Romagna, Inaugurato Centro digitale interattivo di Eon Reality, nuovo quartier generale europeo

Industria 4.0. Inaugurato a Casalecchio di Reno il nuovo Centro digitale interattivo di Eon Reality, nuovo quartier generale europeo dell’azienda Usa leader mondiale nella realtà aumentata e virtuale. Investimento di oltre 24 milioni di euro, di cui 6,3 dalla Regione: 160 assunzioni previste. Bonaccini: “L’Emilia-Romagna si conferma tra i territori più attrattivi d’Europa per le imprese innovative e getta le basi per competere nel mondo”

Taglio del nastro questa mattina. Nel Centro si svilupperanno contenuti e applicazioni per le imprese. Oggi la cerimonia con il fondatore di Eon Reality, Dan Lejerskar: “Una grande opportunità”. L’assessore Costi: “Anche il tessuto di piccole e medie imprese, punto di forza dei nostri distretti, potrà beneficiarne”

Bologna – La realtà virtuale prende forma in Emilia-Romagna, sempre di più regione che da tutto il mondo chiama investimenti nel proprio territorio, grazie alle professionalità che qui si possono trovare, l’alta formazione garantita nei Tecnopoli e nelle Università, oltre a logistica e infrastrutture. Questa mattina, Eon Reality, Gruppo californiano leader mondiale nello sviluppo di software e piattaforme digitali, ha inaugurato al Worklife Innovation hub di Casalecchio di Reno (Bo) il proprio Centro digitale interattivo (Cdi) e la Virtual Reality Innovation Academy (Vria), l’unico hub voluto in Italia per lo sviluppo di contenuti e applicazioni legati alla realtà virtuale aumentata, che diventa il nuovo quartier generale europeo dell’azienda Usa.

Eon Reality mette così radici in Emilia-Romagna, realizzando un Centro per lo sviluppo di contenuti e applicazioni per le imprese e incrementarne così l’efficienza, la sicurezza e la protezione. Complessivamente copre una superficie di 2.400 metri quadrati, con spazi riservati all’Academy, uno showroom e laboratori. Una struttura all’avanguardia che nasce anche grazie al supporto della Regione Emilia-Romagna, che ha investito nel progetto 6,3 milioni di euro, su un totale di 24 milioni impiegati, attraverso la legge regionale sull’attrazione di investimenti (la numero 14 del 2014), dopo che l’azienda californiana ha partecipato al bando relativo all’Industria 4.0. E’ prevista l’assunzione di 160 addetti entro tre anni, di cui 128 persone con laurea o titoli superiori.

Leggi anche  L’uso professionale di Twitter per giornalisti e comunicatori

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza del fondatore dell’azienda,Dan Lejerskar, e del presidente della Regione, Stefano Bonaccini. Con loro, il sindaco di Casalecchio di Reno, Massimo Bosso, l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, il rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, il responsabile Territorio e ambiente di Confindustria Emilia area centro, William Brunelli e Marina Silverii, direttore di Aster.

“L’insediamento dell’azienda californiana in Emilia-Romagna è sicuramente motivo di grande soddisfazione e orgoglio- afferma il presidente Bonaccini-. Siamo di fronte a un ulteriore passo avanti nella ricerca, verso l’applicazione e lo sviluppo di nuove tecnologie, ma anche a una nuova e prestigiosa conferma di quanto sia attrattivo il nostro territorio, in particolare per l’Industria 4.0, strategica per la crescita economica.In questa settimana abbiamo siglato un pre-accordo con la provincia Cinese dello Shandong, abbiamo firmato con le parti sociali un patto per i giovani di 230 milioni di euro per affrontare disoccupazione giovanile, abbiamo dato il via ai lavori del nuovoData centredelCentro europeo per le previsioni meteorologiche e attraverso la legge sugli investimenti. Abbiamo portato sul nostro territorio aziende come Philip Morris ed Eon. Dall’estero e dall’Italia si viene in Emilia-Romagna per investiresu Big data, digitale e intelligenza artificiale, creando sviluppo e occupazione di qualità. Al sostegno all’attrattività di investimenti affianchiamo efficaci politiche di internazionalizzazione per far crescere idee e saperi che si innestino nel tessuto regionale, ricco di capacità professionali e centri di ricerca. Vogliamo che la nostra regione possa continuare a competere con le aree più avanzate in Europa e nel mondo e che le nostre aziende si impongano sui mercati internazionali, creando posti di lavoro e valorizzando i nostri territori”.

Leggi anche  California, spari nel quartiere generale di Youtube

“Lo sviluppo della realtà virtuale, grazie alla presenza di Eon, rafforzerà il nostro sistema produttivo e di ricerca- sottolinea Palma Costi-. Questo nuovo centro, per lo sviluppo di servizi e competenze in diversi processi industriali, potrà creare sul nostro territorio nuove competenze strategiche per il futuro. Anche il tessuto di piccole e medie imprese di subfornitura, punto di forza dei nostri distretti, potrà beneficiarne. Si mette in moto un lavoro in sinergia tra pubblico e privato per sostenere investimenti in alta tecnologia sul territorio emiliano-romagnolo, linfa vitale per un indotto che diventa sempre più protagonista internazionale”.

Eon Reality Italia avrà anche un forte impatto sulla formazione in Emilia-Romagna, grazie a partnership con l’Università di Bologna e altre istituzioni accademiche della regione. Nel Centro di Casalecchio, gli studenti potranno seguire corsi di 11 mesi, dedicati alla costruzione delle competenze necessarie per sviluppare applicazioni di realtà aumentata e virtuale (Avr), con 7 mesi di pratica (anche fuori azienda) ed esperienze sul campo.

“Abbiamo una grande opportunità per migliorare il trasferimento delle conoscenze locali e promuovere gli usi educativi e industriali della realtà aumentata e virtuale qui in Emilia-Romagna- riferisce Dan Lejerskar, fondatore di Eon Reality-. Il Centro digitale interattivo e la Virtual Reality Innovation Academy, costituiranno anche il nuovo quartier generale dell’azienda in Europa, e miglioreranno non solo l’attuale conoscenza in regione della piattaforma Avr ma anche l’uso e la conoscenza di esso nelle generazioni future, a sostegno della formazione e dello sviluppo di competenze professionali a livelli senza precedenti. È davvero un momento emozionante per i cittadini italiani e dell’Emilia-Romagna”.

Nel pomeriggio, la presentazione di alcune testimonianze di settore e casi studio e, in particolare, soluzioni di realtà aumentata e realtà virtuale, applicate a livello mondiale per l’istruzione e la formazione.

Leggi anche  Palermo, città hi tech: rete Wi fi gratuita in piazza Vittorio Emanuele Orlando e piazza della Memoria

L’azienda

Eon Reality è leader mondiale nel trasferimento di conoscenza della realtà aumentata e virtuale. Fondata nel 1999 nella città di Irvine in California, sviluppa piattaforme digitali per le imprese, nei settori dell’istruzione e della formazione. Ha collaborato finora con 400 istituzioni accademiche e 55 istituzioni governative. L’azienda ha sviluppato negli ultimi 18 anni una soluzione di realtà aumentata e virtuale che fornisce opportunità per il cambiamento tecnologico grazie ad un trasferimento accelerato delle conoscenze e alla creazione di una simbiosi tra uomo e macchina, creando nuove opportunità formative. La rete di sviluppo di app globale di Eon Reality, con ventidue sedi in tutto il mondo, ha creato la libreria AR / VR leader nel mondo per il trasferimento delle conoscenze con oltre 8.000 applicazioni. Oltre 40 milioni di persone hanno scaricato queste applicazioni. Eon Reality Italia intende contribuire alla costruzione di un ecosistema di realtà aumentata e virtuale (Avr) locale e sostenere l’economia della regione, aiutando le aziende e le industrie a migliorare la propria produttività e sicurezza.

La tua opinione