Mario Martone, Ippolita di Majo CAPRI – REVOLUTION

TEATRO STABILE DI TORINO – TEATRO NAZIONALEFONDAZIONE CIRCOLO DEI LETTORIMUSEO NAZIONALE DEL CINEMA 

in occasione dell’uscita nelle sale del film 
CAPRI-REVOLUTIONcon la regia diMario Martone

organizzano per venerdì 21 dicembre 2018
un doppio appuntamento con Mario Martone 

ore 18:00 – Circolo dei lettori (Via Bogino, 9 – Torino)
presentazione del libro 
Mario Martone, Ippolita di Majo
CAPRI – REVOLUTION 
(La nave di Teseo, Milano, 2018)

Gli autori dialogheranno con Grazia Paganelli, Museo Nazionale del Cinema

ore 21:00 – Cinema Massimo (Via Verdi, 18 – Torino)
proiezione del film 
CAPRI – REVOLUTION 
Al termine, incontro con il regista.

  • Dopo il fortunato passaggio alla75ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, arriva nelle sale, a partire dal 20 dicembre 2018, il film Capri – Revolutioncon la regia di Mario Martone. Un film che, per stessa ammissione del regista, sembra l’ideale conclusione di una trilogia iniziata con Noi credevamo, proseguita poi con Il giovane favoloso.

    Venerdì 21 dicembre 2018alle ore 18:00, al Circolo dei lettori,Mario Martone presenta la sceneggiatura del film, pubblicata da La nave di Teseo e scritta insieme a Ippolita di Majo, storica dell’arte e sceneggiatrice. Interviene Grazia Paganelli del Museo Nazionale del Cinema. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. L’appuntamento è organizzato daTeatro Stabile di Torino – Teatro NazionaleFondazione Circolo dei lettori e Museo Nazionale del Cinema

    Lo stesso giorno, alle ore 21:00, è prevista nella programmazione del Museo Nazionale del Cinema al Cinema Massimo (via Verdi, 18) la proiezione del filmCapri-Revolution. Al termine si terrà un incontro con il regista Mario Martone. 

    Capri-Revolution è l’ultimo capitolo della trilogia che Mario Martone ha dedicato ai ribelli. Siamo nel 1914, l’Italia sta per entrare in guerra. Una comune di giovani nordeuropei ha trovato sull’isola di Capri il luogo ideale per la propria ricerca nella vita e nell’arte. Ma l’isola ha una sua propria e forte identità, che si incarna in una ragazza, una capraia il cui nome è Lucia (Marianna Fontana). Il film narra l’incontro tra Lucia, la comune guidata da Seybu (Reinout Scholten van Aschat) e il giovane medico del paese (Antonio Folletto). E narra di un’isola unica al mondo, la montagna dolomitica precipitata nelle acque del Mediterraneo che all’inizio del Novecento ha attratto come un magnete chiunque sentisse la spinta dell’utopia e coltivasse ideali di libertà, come i russi che, esuli a Capri, si preparavano alla rivoluzione.
Leggi anche  Campidoglio, domenica 4 novembre ingresso gratuito per Musei in Comune e Fori

La tua opinione