“Umani per Costituzione”Reading della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della Costituzione Italiana

“Umani per Costituzione”Reading della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della Costituzione Italiana
Domenica 13 gennaio dalle 16 in piazza Mediterraneo (Ballarò) verranno letti alcuni articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della Costituzione Italiana. L’evento è organizzato da Arcigay Palermo insieme a Human Rights Youth Organization e con il sostegno di diverse realtà associative locali.
Come si svolge: a turno, i presenti leggeranno uno dopo l’altro gli articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Dell’Uomo e della Costituzione mentre il cantautore palermitano Eugenio Panórm suonerà il liuto e la band Crispeace le percussioni: per partecipare basta presenziare e si può anche portare e suonare il proprio strumento.
Le ragioni dell’evento si trovano nel desiderio di ripartire dalle basi per schierarsi contro il decreto “sicurezza” promosso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini e per contrastare il clima d’odio promuovendo invece il rispetto dei diritti umani.
“La tutela dei Diritti Umani sembra oggi avere solo portata emotiva e politica, è invece importante oggi più che mai ricordare come i Diritti Umani hanno pieno valore legale protetto dalla Costituzione all’interno dell’ordinamento italiano ed europeo e non possono essere sviliti da norme secondarie come il “Decreto Insicurezza” – sottolineano gli organizzatori – Basterebbe mantenere saldo il principio di non discriminazione per evitare le derive politiche verso le quali questo Governo vuole condurci”
Oltre alla ferma volontà di ripassare ad alta voce e pubblicamente due documenti di fondamentale importanza per la garanzia dei diritti di ciascuno, questo evento è anche un’occasione per rianimare piazza Mediterraneo, cuore del quartiere storico di Ballarò e luogo che più di tutti rappresenta la realizzazione di quei diritti sanciti nella Dichiarazione Universale.
L’iniziativa si inserisce infatti nel più lungo percorso di interventi programmati e svolti insieme al quartiere, in un processo partecipato.
Hanno aderito: Maghweb, Stato Brado, Qui Palermo, Arci Palermo, ANPI Palermo, SOS Ballarò, Moltivolti, UAAR, Pirati Pastafariani Palermitani, Crispeace Tribal Band, Consulta della Pace – Comune di Palermo., Mir Palermo, Sinistra Italiana Palermo, ELSA Palermo, Arte Migrante Palermo, Radicali Italiani, Welcoming Europe, Coordinamento Antiviolenza 21 Luglio, Comitato Nour ama e cambia il mondo, Casa della Cooperazione.
Per aderire come associazione, istituzione o ente inviare  una mail a palermo@arcigay.it o info@hryo.eu

Leggi anche  Migranti, la Sea Watch a poche miglia da Lampedusa

La tua opinione