Tessile: scarti, sostenere il distretto pratese

Tessile: scarti, sostenere il distretto pratese

L’assessore regionale Federica Fratoni ha risposto a un’interrogazione presentata dal consigliere del Pd Nicola Ciolini

AULA  – Un’interrogazione in merito alla situazione degli scarti derivanti dalla lavorazione tessile nel distretto di Prato, presentata dal consigliere dell’assemblea toscana Nicola Ciolini (Pd), è stata oggi 13 febbraio oggetto della risposta in Aula dell’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni.

Ciolini ha infatti interrogato il presidente della Giunta per conoscere “nelle more di un auspicato recepimento della normativa in materia di economia circolare da parte del legislatore nazionale e nella prospettiva di un nuovo modello di trattamento degli scarti di produzione tessile, la disponibilità della Giunta regionale a valutare l’opportunità di predisporre ulteriori interventi a sostegno degli operatori del settore tessile, tenuti a conferire in discarica gli scarti della lavorazione a oggi ritenuti un rifiutotout court, a partire dall’esclusione per tali rifiuti dal pagamento di detto tributo speciale per il deposito in discarica”.  Il consigliere ha chiesto inoltre di conoscere “la quantità di flussi relativa allo smaltimento dei rifiuti del distretto pratese inviati al conferimento sia presso gli impianti ubicati in ambito regionale, che verso destinazioni extraregionali, nonché quali implicazioni possa avere su tali flussi l’aumento delle aliquote”.

Leggi anche  Campidoglio, prorogata fino al 6 marzo l’ordinanza anti-alcol

La tua opinione