Mediterranea con a bordo 50 migranti è in acque italiane. Salvini:”I porti erano e rimangono chiusi”

ROMA, 18 MAR – “Stiamo facendo rotta verso nord per evitare il maltempo, ci dirigiamo verso l’Italia dove chiederemo il porto sicuro per sbarcare queste persone scappate dai campi di concentramento libici”. Lo dice all’ANSA Luca Casarini, capomissione di Mediterranea Saving Human da bordo della nave Mare Ionio al termine del salvataggio di 50 migranti, tra cui 12 minori, al largo della Libia. “Non c’è stata alcuna tensione con la motovedetta libica, sono arrivati quando il nostro soccorso era già in corso” aggiunge Casarini.

Leggi anche  Grave mancanza di fondi: sono i rifugiati a farne le spese

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione