Arrestato il senegalese che ha dato fuoco al bus con 51 ragazzini

Attimi di paura a Milano, sulla provinciale 415 che collega Pantigliate a San Donato Milanese. Ousseynou Sy, conducente di un bus delle autolinee padane ha dirottato il mezzo dove viaggiavano 51 ragazzi e alcuni insegnanti e, dopo averli fatti scendere, ha cosparso di liquido infiammabile sedili e corridoio appiccando il fuoco. Tanto spavento ma per fortuna nessun ferito

“GESTO PREMEDITATO” – Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo per strage e sequestro di persona, con l’aggravante del terrorismo “vista la pericolosità del gesto in sé” ha spiegato il procuratore di Milano, Francesco Greco. Il fatto che abbia appiccato il fuoco all’autobus, fa ritenere che sia un gesto “organizzato, premeditato”, ha sottolineato Greco. Sy si trova ora in Procura per l’interrogatorio davanti ai pm di Milano Alberto Nobili e Luca Poniz, titolari dell’inchiesta.

CHI E’ – L’autista del bus si chiama Ousseynou Sy, ha 47 anni ed è di origini senegalesi: l’uomo ha sequestrato la scolaresca e incendiato il bus per protestare contro le morti nel Mediterraneo. Una tentata strage per “fermare le morti nel Mediterraneo” avrebbe farfugliato il47enne. “Vanno fermate le morti nel Mediterraneo, ora da qui non scende nessuno” avrebbe detto.

Intanto il Viminale è al lavoro per verificare la possibilità di togliergli la cittadinanza italiana, secondo quanto si apprende da fonti del ministero dell’Interno. I pm hanno parlato di ipotesi terrorismo ”perché ha creato panico”. L’eventualità di togliere la cittadinanza è contemplata dal Decreto sicurezza e il ministro Salvini segue direttamente la vicenda. LA DINAMICA – Sy voleva uccidersi per gli immigrati e ha dato fuoco al mezzo che avrebbe dovuto portare in gita da Crema 51 alunni, le insegnanti dell’istituto comprensivo Vailati e due accompagnatori, gli stessi che hanno poi chiamato le forze dell’ordine.

Leggi anche  Castelvetrano. Fava "Laboratorio di nuovo sistema di potere. Rischioso votare adesso"

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione