Migranti,”Donne e bambini si rifiutano di scendere dalla nave Alan Kurdi. Salvini:”Buon viaggio verso Berlino”

Nessuno sbarco dalla Alan Kurdi. “Donne e bambini si rifiutano di scendere dalla nave. Non ci resta che augurare buon viaggio verso Berlino”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il Viminale aveva dato via libera allo sbarco di due bambini di 1 e 6 anni, delle rispettive madri e di una donna incinta.

Kinder sind in den Armen ihrer Mütter, auf der Krankenstation der #AlanKurdi besser aufgehoben, als auf einem Schlauchboot, nachdem niemand sucht. Es gibt keine #EU-Rettungsschiffe mehr. Noch immer werden 50 Menschen vermisst‼️#wirsindnochda, denn #unserEuroparettet#saveLives pic.twitter.com/y5orrOxH2L— sea-eye (@seaeyeorg) 4 aprile 2019

La Alan Kurdi – intanto – continua la sua navigazione a zig zag, avanti e indietro, ai confini delle acque territoriali italiane ad una decina di di miglia a sud-est di Lampedusa. Il comandante dell’imbarcazione della ong tedesca Sea Eye – a bordo 64 migranti soccorsi e 17 uomini di equipaggio – non ha ancora ottenuto dal Centro di coordinamento marittimo della Guardia costiera di Roma l’autorizzazione ad entrare nelle acque territoriali. E’ infatti in vigore il divieto messo nero su bianco ieri con una circolare del Viminale che definisce “non inoffensivo” il transito della Alan Kurdi in acque italiane. E l’imbarcazione tedesca si tiene così al limite delle 12 miglia dall’isola, in acque internazionali, in attesa di uno sblocco della situazione dopo la disponibilità comunicata dalla Germania a farsi carico di una parte dei migranti a bordo. A Lampedusa motovedette di Guardia costiera e Guardia della finanza monitorano la situazione.

“Come fatto in passato, la Germania è disposta a dare il suo contributo nell’accoglienza, anche nel caso delle 64 persone della nave Alan Kurdi”, ha detto il portavoce del ministero dell’Interno tedesco rispondendo a domande in conferenza stampa sulla vicenda della nave della ong tedesca Sea Eye, e allo specifico richiamo italiano alla sicurezza nel Mediterraneo. Il portavoce ha tuttavia ribadito l’appello ad un impegno in questo senso anche dagli altri partner europei e alla necessità di attivare un meccanismo ad hoc.

“Abbiamo pregato la Commissione Ue di assumere il coordinamento del caso Alan Kurdi e di considerare la necessità che la nave entri al più presto in un porto sicuro“, ha detto un portavoce del ministero dell’Interno tedesco.

Stiamo seguendo da vicino il caso” “e abbiamo chiesto una cabina di regia di coordinamento fra gli stati membri“. La Commissione europea sta iniziando a prendere contatti per sostenere e coordinare gli Stati membri che sono pronti a dare prova di solidarietà per le persone a bordo della nave. Così una portavoce della Commissione Ue. “Questo evento mostra quanto sia urgente avere soluzioni prevedibili sullo sbarco dei migranti”, aggiunge.

Leggi anche  Orlando:"Da Salvini e dal Governo ancora una violazione del diritto internazionale e della Costituzione"

La tua opinione