Borgo San Lorenzo, scoperto asilo abusivo

SCOPERTO ASILO ABUSIVO. OPERAZIONE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Disposta la chiusura immediata della struttura

Individuato e chiuso un asilo abusivo. Dopo tre mesi di indagini curate dalla Polizia Municipale del Distretto di Borgo San Lorenzo è scattata un’operazione che ha portato a identificare una struttura, in località La Soterna, che ospitava bambini, anche di età inferiore ai tre anni, senza la necessaria autorizzazione e impiegando personale privo dei requisiti professionali richiesti.

Nei locali è stata riscontrata la presenza di escrementi di topo e critiche condizioni igieniche, oltre alla presenza di cibo avariato.

Nel corso delle indagini la PM ha verificato la presenza continuativa e organizzata dei bambini, che venivano affidati alla struttura  senza genitori o altri familiari.


Fondamentale il coordinamento e la collaborazione della Commissione Multiprofessionale zonale ove è presente personale della ASL, del Comune e dell’Unione dei Comuni.

L’Amministrazione si è complimentata con la Polizia Municipale del Distretto di Borgo San Lorenzo e con la Commissione zonale per aver collaborato attivamente all’operazione, che ha portato a scoprire l’asilo abusivo. Una scoperta che ha comunque lasciato sconcertati, vista la diffusione e l’alto livello di qualità dei servizi educativi pubblici e privati,  esistenti sul territorio, che ne costituiscono un’eccellenza a livello regionale  e l’impegno dell’Amministrazione in termine di risorse investite e di trasparenza nei confronti  dell’utenza (testimoniata fra l’altro dal varo, nel 2015 della carta dei servizi all’infanzia). 

Un episodio che evidenzia comunque la presenza di una rete efficace di vigilanza, di controllo e di attenzione da parte degli Enti coinvolti, su un servizio così delicato ed importante per la collettività.

E’ stata disposta la chiusura immediata della struttura, come previsto dalla normativa regionale in materia.

-- 

Leggi anche  Maltempo : Campidoglio, domani a Roma scuole chiuse per gli studenti

La tua opinione