Ciclone: l’emergenza continua, 1.400 i casi di colera nel paese

  • CATASTROFE NATURALE
  • MOZAMBICO

Gli effetti devastanti del ciclone Idai in Mozambico e nelle altre aree colpite continuano a farsi sentire e con la maggior parte delle comunità ancora prive di accesso stabile all’acqua pulita, i bisogni medici rischiano di aumentare.

Stiamo supportando il Ministero della Salute locale in particolare nel contenere l’epidemia di colera. Sono ufficialmente 1.400 i casi confermati in tutto il paese, ma le nostre équipe hanno curato oltre 1.000 pazienti sospetti solo a Beira, e si preparano ad affrontare l’incremento di altre malattie trasmesse dall’acqua, oltre che di malaria, infezioni della pelle e respiratorie.

Un nostro dottore visita un paziente insieme a una équipe locale nel nostro centro di trattamente colera

Secondo i dati ufficiali del governo del Mozambico, 598 persone sono decedute a causa del ciclone nel paese, 1.522 sono i feriti, 112.000 le case distrutte, danneggiate o alluvionate. Secondo le Nazioni Unite 1,85 milioni di persone hanno bisogno di assistenza urgente. Almeno 131.000 persone sfollate hanno trovato riparo in 136 diversi siti e sebbene molte forniture di acqua pubblica siano state reintegrate, la maggior parte delle comunità – ovvero migliaia di persone – non ha ancora un accesso adeguato ad acqua pulita ed elettricità.Più di 715.000 ettari di coltivazioni sono stati spazzati via, proprio all’inizio della stagione dei raccolti. Fuori da Beira, molte aree sono ancora isolate e stanno ricevendo scarsa o nessuna assistenza.

Per contenere l’epidemia di colera a Beira, Nhamatanda e Dondo, abbiamo allestito tre centri di trattamento e gestiamo un’unità di trattamento in un centro sanitario del Ministero della Salute, potendo assistere in questo modo oltre 350 pazienti per volta. Abbiamo anche allestito delle unità di trattamento da 20 posti letto a Dondo e Tica e una struttura da 10 posti nella località di Buzi. Stiamo inoltre fornendo supporto logistico, tecnico e gestionale al Ministero della Salute per la campagna di vaccinazione di massa a Beira, Dondo, Nhamatanda e Buzi.

Leggi anche  Palermo: ripetitore vicino casa Mattarella, per inquirenti non ha spiato il Presidente

Nel frattempo, i nostri team di potabilizzazione dell’acqua stanno installando nuovi punti di distribuzione – di cui uno a Chingasura, uno dei quartieri di Beira più colpiti dall’epidemia, e un altro a Dombe a beneficio dei campi sfollati nell’area – mentre le équipe di promozione della salute raggiungono le comunità per spiegare alle persone come purificare l’acqua che hanno a disposizione, le buone pratiche per evitare il contagio e cosa fare se emergono sintomi della malattia.

Distribuzione di sapone e “certeza” una soluzione per purificare l’acqua a Buzi

Oltre al colera, gli estesi danni alle infrastrutture sanitarie e alle forniture mediche richiedono ancora un notevole sforzo per ripristinare il funzionamento del sistema sanitario e garantire alle persone la possibilità di ricevere cure mediche di base, materno-infantili o per malattie croniche come HIV e Tubercolosi.

Fin dai primi giorni dell’emergenza abbiamo avviato una risposta massiva nell’area e oggi ci sono 120 operatori locali che lavoravano con MSF a Beira prima del ciclone, oltre 500 operatori locali reclutati specificamente per l’emergenza, oltre 170 operatori internazionali arrivati da altri paesi africani e dal resto del mondo. Più di 100 le tonnellate di forniture mediche e logistiche arrivate via cargo aerei.

La tua opinione