Emilia Romagna : Primo accordo in Italia, arriva il “portafoglio welfare del dipendente

Lavoro in Regione. Primo accordo in Italia, arriva il “portafoglio welfare del dipendente”: 3 milioni di euro per integrare le spese per salute, assistenza, scuola e assicurazioni

L’intesa tra Ente e sindacati sul welfare aziendale si inserisce nel Contratto collettivo decentrato integrativo e va a definire le opportunità di natura assistenziale e sociale, fissando le risorse per il triennio 2019-2021. 100 mila euro all’anno per le famiglie dei dipendenti deceduti anzitempo. L’assessora Petitti: “Moderni nei fatti, non nelle parole: in campo contenuti veri per i nostri collaboratori”

Bologna – Per i collaboratori della Regione Emilia-Romagna, a tempo indeterminato e determinato, incluso il personale regionale in distacco presso altri Enti, c’è il “portafoglio welfare del dipendente”. Si tratta di risorse messe in campo dall’Ente, che vanno a disegnare un profilo di welfare aziendale dedicato a chi lavora in Regione, spaziando tra tutela della salute, dell’assistenza, della scuola e delle assicurazioni. Tutto questo nell’ambito di un accordo, siglato pochi giorni fa, tra l’Amministrazione regionale e le organizzazioni sindacali, il primo del genere in Italia tra le Regioni, che definisce e mette in campo un pacchetto di opportunità per i lavoratori di viale Aldo Moro che vale tre milioni di euro, divisi in un triennio.

Nel pacchetto, inoltre, è prevista una quota parte annuale di 100 mila euro destinata al sostegno delle famiglie dei dipendenti deceduti anzitempo.
“Con questo intervento- spiega l’assessora regionale al Bilancio e Organizzazione, Emma Petitti- si va verso il completamento del percorso di modernizzazione dell’Ente. Occorre interpretare un mondo che cambia, e per questo, faccio un esempio, abbiamo reso strutturale lo smart working. Ma occorre anche definire un contesto professionale nel quale il lavoratore si senta a proprio agio, in modo tale che sappia che dietro alla parola welfare ci sono contenuti, opportunità e tutele. Assieme ai sindacati abbiamo fatto questo, provando a rafforzare un contesto che permetta ancora di più a chi lavora nella squadra regionale di esprimere quella professionalità che fanno dell’Emilia-Romagna una delle Regioni più efficienti”.

Leggi anche  1 Maggio: Coldiretti Puglia: Ecco il picnic perfetto

Cosa c’è nel pacchetto
Le risorse aggiuntive messe a disposizione dalla Regione per il welfare aziendale sono destinate a rimborsi per prestazioni sanitarie non coperte dal servizio sanitario nazionale. Un esempio sono le spese dentistiche, farmaci non inclusi nel prontuario e parafarmaci, fino alle lenti per occhiali.
Per l’assistenza si prevedono rimborsi relativi a servizi di cura alla persona per familiari, mentre per la scuola, rimborsi per servizi scolastici, rette, campi estivi, incluse tasse universitarie.
Inoltre, in ambito assicurativo i dipendenti potranno utilizzare le risorse per il rimborso relativo all’estensione facoltativa della polizza sanitaria in essere, rimborso che è gestito direttamente dalla Regione. Esiste anche la possibilità alternativa di destinare la quota spettante del “portafoglio welfare del dipendente” all’incremento del fondo pensionistico Sirio Perseo, se il dipendente è iscritto.
A livello individuale la cifra si aggirerà su circa 250-270 euro annui: a gestire i servizi e i rimborsi sarà un soggetto terzo, un gestore, che curerà l’intero processo fatto salvo alcune eccezioni previste dall’accordo.
L’accordo prevede un costante monitoraggio con i sindacati sull’applicazione di questa prima esperienza di welfare aziendale.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione