Paolo Borsellino: “Scorta solo di mattina, così mi uccidono di pomeriggio”

Dobbiamo avere garantita la presenza degli autisti giudiziari per tutto l’arco della giornata. Di pomeriggio c’è una sola macchina per quattro magistrati e sistematicamente vado con la mia macchina personale ed esco alle 21 o alle 22 per tornare a casa”. E’ la denuncia del giudice Paolo Borsellino, nell’audizione davanti alla Commissione antimafia desecretata (ASCOLTA). Sono oltre 1.600 i documenti per la prima volta riordinati in un unico sito, materiali e atti dal 1963 al 2001 de-secretati che diverranno accessibili a tutti.

“Nonostante la mattina con strombazzamenti il magistrato viene accompagnato in auto, poi il pomeriggio non lo può più fare” dice ancora Borsellino. E davanti al deputato che gli parla di “libertà” di andare con la propria auto replica: “La mia libertà la riacquisto, ma poi sono libero di essere ucciso la sera…”.

0:25 / 0:36
Tommasi: “De Rossi? In alcune piazze…

IL COMPUTER – E ancora: “Il computer è finalmente arrivato, purtroppo non sarà operativo se non fra qualche tempo. E’ stato messo in un camerino e stiamo aspettando” dice nell’audizione inedita davanti alla Commissione antimafia il giudice Paolo Borsellino. “E’ un computer della Honeywell ed è diventato indispensabile perché la mole dei dati contenuti anche in un solo processo è tale che non è più possibile usare i sistemi tradizionali delle rubrichette”.

I PROBLEMI – In una seduta dalla Commissione nazionale antimafia, prima di essere ucciso, Paolo Borsellino denunciò A Palazzo San Macuto la “gravità dei problemi, soprattutto di natura pratica, che dobbiamo affrontare tutti i giorni”, “sottolineando soprattutto che, con il fenomeno della gestione dei processi di mole incredibile, perché un solo processo è composto da centinaia di volumi e riempie intere stanze, è diventato indispensabile l’uso di attrezzature più moderne di queste rubriche e degli appunti”.

Leggi anche  Musumeci, 2019 anno rilancio autonomia

SECONDO AUDIO – Il boss poi pentito Tommaso Buscetta, mentre era latitante, incontrava i capimafia in via Ruggero Settimo a Palermo, strada centralissima del ‘salotto’ della città, in pieno giorno. A raccontarlo alla Commissione nazionale antimafia prima di essere ucciso era stato Paolo Borsellino: a Marsala, dove il giudice lavorava, non c’era una volante “che potesse assicurare l’intero arco delle 24 ore”, raccontava Borsellino. “E siccome ricordavo che Buscetta mi aveva detto che gli era stato presentato il capomafia di Bagheria mentre passeggiava in via Ruggero Settimo e io gli chiesi come faceva a passeggiare e lui mi rispose: “Nel nostro ambiente si sapeva che tra le 14 e 16 c’era la ‘smonta’ delle volanti e noi latitanti ci facevamo la passeggiata”.

MARSALA – A Marsala, quando il Procuratore era Paolo Borsellino, mancava una volante; così il magistrato poi ucciso da cosa nostra fece la proposta di dimezzarsi la scorta: “E così facemmo la volante” raccontava lo stesso Borsellino durante l’audizione davanti alla Commissione antimafia. “Io ero molto stanco e volevo andare e dissi di dimezzarmi la scorta e solo così avemmo la volante”.

COMMISSIONE – Gli audio pubblicati on line sono stati desecretati, insieme ad atti e documenti dei lavori della stessa Commissione Antimafia, che ha deciso all’unanimità di desecretare tutto il materiale. Il presidente Nicola Morra ha illustrato il nuovo sito istituzionale che, anche grazie a un motore di ricerca, permetterà a chiunque di consultare i documenti. “Questo è un segnale di ulteriore democratizzazione del Paese” ha detto. “La desecretazione è accompagnata ad un’opera ancor più rilevante di digitalizzazione dei materiali che erano solo su cartaceo e di pubblicazione di documenti, ora pienamente fruibili” ha aggiunto, sottolineando che si tratta di un lavoro importante per “tutti coloro che tengono alla giustizia”.

Leggi anche  Todi, inaugurazione dell’area vaccinazioni e del punto prelievi

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione