Siena, preleva soldi dal conto dell’amica. Denunciata

Preleva 2000 euro con la carta di credito prestata dall’ ignara amica per fare la spesa. Smascherata e denunciata dalla Polizia di Stato una senese di 38 anni.
E stata smascherata dalla Polizia di Stato C.T., una donna di 38 anni residente in provincia di Siena, che approfittando della fiducia dellamica ha prelevato denaro fino a 2000 euro, impossessandosene, con la sua carta di credito. Le indagini da parte dei poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Siena sono scattate a seguito della denuncia dellignara vittima, che mossa dallaffetto che la legava allamica, le aveva dato ospitalità in casa per circa 10 giorni, date le difficoltà economiche e familiari da lei lamentate, prestandole la sua carta di credito per fare la spesa. Le due, infatti, si conoscevano da anni, tanto che la vittima non aveva esitato a consegnarle la propria carta per consentirle di acquistare generi alimentari al supermercato. C.T., durante la sua permanenza nellappartamento, rientrava puntualmente a casa con la spesa omettendo, però, di riferire allamica dellindebita appropriazione di denaro. La donna aveva, infatti, effettuato in dieci giorni prelievi per circa 1300 euro, oltre a numerosi rifornimenti di carburante, per un totale di 2 mila euro. Raggiunto lo scopo prefissato, e il tetto massimo consentito mensilmente per lutilizzo della carta di credito, ha lasciato repentinamente labitazione per tornare a casa, liberandosi dello strumento di pagamento elettronico. La carta è stata poi casualmente rinvenuta in una strada adiacente limmobile da un vicino di casa che lha riconsegnata alla proprietaria. Solo in questo frangente, la vittima si è avveduta del danno subito, anche perché listituto di credito le ha comunicato che con la carta erano stati effettuati ben quindici tentativi di prelievo, non andati in porto perché raggiunta la soglia mensile consentita. I poliziotti della Squadra Mobile hanno anche visionato le immagini delle banche presso le quali la donna era stata immortalata mentre prelevava. Identificata ed accompagnata presso la Questura non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità ed è stata denunciata per lindebito utilizzo.

Leggi anche  Siena, truffe telefoniche: nel mirino una coppia di anziani

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione