FMI, preoccupante la traiettoria per i conti pubblici italiani

Nuova ‘sforbiciata’ alle stime della crescita dell’economia italiana: questa volta a rivedere al ribasso le previsioni è il Fondo Monetario Internazionale che nel World Economic Outlook fissa a +0,0% l’andamento del Pil italiano nel 2019, con un taglio di 0,1 punti rispetto alla già bassa previsione formulata a fine luglio. Ancora più forte (0,3 punti) il ribasso sulla stima per il 2020, con un Pil che non dovrebbe quindi crescere più dello 0,5%. Alla base delle revisioni, spiega il Fondo, l’andamento dei consumi privati, uno stimolo fiscale ridotto e uno scenario internazionale più debole.
Preoccupante, quindi, la traiettoria per i conti pubblici italiani, con un deficit che secondo la stima Fmi quest’anno dovrebbe essere pari al 2,0% del Pil per poi risalire il prossimo anno al 2,5% e al 2,6% nel 2021. Dal World Economic Outlook emerge una corrispondente crescita del rapporto debito/pil che quest’anno dovrebbe confermarsi al valore del 2018 (132,2%) per poi salire al 133,7% nel 2020 e toccare il massimo del 134% nel 2021.

I paesi con un debito pubblico elevato, come Francia, Italia e Spagna, dovrebbero “ricostruire gradualmente buffer fiscali al tempo stesso tutelando gli investimenti. Un impegno credibile in un percorso di riduzione del debito nel medio termine è particolarmente cruciale per l’Italia, con un debito e un fabbisogno di finanziamento elevato”, scrive il fondo Monetario Internazionale segnalano come “se la crescita dovesse indebolirsi in modo significativo, i paesi con spazio fiscale dovrebbero usarlo più attivamente”. “Parallelamente – aggiunge l’Fmi – il risanamento di bilancio potrebbe essere temporaneamente modificato nei paesi in cui lo spazio fiscale è minore, a condizione che le loro condizioni di finanziamento rimangano favorevoli e la sostenibilità del debito non sia compromessa”.

Leggi anche  “La Corte dei conti al servizio delle comunità: riflessioni e prospettive a 25 anni dall'adozione delle leggi 19 e 20 del 1994”

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione