Bologna, ricostruzione post sisma. Prorogate l’esenzione Imu per gli immobili inagibili

Ricostruzione post sisma. Prorogate l’esenzione Imu per gli immobili inagibili e la sospensione dei mutui per i privati e i Comuni dell’area del cratere. Bonaccini-Costi: “Una priorità dare risposta a cittadini e amministratori locali”

Accolti gli emendamenti dei parlamentari dell’Emilia-Romagna. Le richieste erano state messe a punto e condivise, nelle scorse settimane, dalla Regione con i sindaci del territorio colpito dal terremoto del 2012

Bologna – “Ringraziamo il Governo e la maggioranza per aver accolto e approvato oggi gli emendamenti che sono stati presentati sulla ricostruzione post sisma, in particolar modo quelli relativi alla proroga al 31 dicembre 2020 per l’esenzione dell’Imu per gli immobili inagibili e per la sospensione dei mutui per privati e Comuni dell’area del cratere. Un provvedimento giusto e doveroso nei confronti dei cittadini e degli amministratori locali: dare loro risposta era e resta una priorità”.

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e l’assessore alla Ricostruzione, Palma Costi, in relazione al problema della scadenza, a fine anno, dei termini correlati allo stato di emergenza nelle località colpite dal terremoto del 2012 e il via libera oggi in Commissione alla Camera alla proroga delle scadenze, inserita in emendamento del Dl Sisma.

“È stata rivolta la necessaria attenzione al problema- aggiungono- anche in considerazione del fatto che oggi il provvedimento di proroga arriva in anticipo rispetto all’analogo atto approvato, l’anno scorso, con tempi più lunghi”.

Le richieste erano state messe a punto e condivise, nelle scorse settimane, durante i lavori dell’ultimo Comitato istituzionale e di indirizzo per il terremoto del 2012 (costituito dai sindaci dei comuni colpiti), riunitosi a Bologna, alla presenza del presidente della Regione e Commissario delegato per la ricostruzione Bonaccini, e dell’assessore regionale Costi.

Leggi anche  Cgil Firenze: "un'altro morto sul lavoro, inaccettabile!"

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione