Roma, Pacco bomba al Viminale

Non era un ordigno rudimentale e poteva esplodere il pacco bomba indirizzato al Viminale e intercettato alle poste di via Ostiense a Roma. La polizia, che al momento tende a escludere la pista anarco-insurrezionalista, indaga comunque a 360 gradi per rintracciare gli autori. L’ordigno, che non aveva un timer, era costituito da un innesco collegato a delle batterie e conteneva ritagli di giornale pro Salvini. Il pacco era inoltre genericamente indirizzato al ministero dell’Interno e non riportava il nome di nessun particolare destinatario.

Leggi anche  Roma, Uccisione di Luca Sacchi gli assassini sono italiani

La tua opinione