” L’infinito tra parentesi ” in scena al teatro Biondo stabile di Palermo

Al Teatro Biondo di Palermo cultura umanistica e cultura scientifica
a confronto nello spettacolo L’infinito tra parentesi di Marco Malvaldi
con Giovanni e Maddalena Crippa

Maddalena e Giovanni Crippa sono i protagonisti de L’infinito tra parentesi di Marco Malvaldi nella messa in scena diretta da Piero Maccarinelli, che debutta martedì 14 gennaio alle ore 21.00 nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo.
Le scene dello spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, dal Teatro della Toscana e dal Mittelfest 2019, sono di Maurizio Balò, le musiche di Antonio Di Pofi. Repliche fino a domenica 19 gennaio.

Gli estremi della cultura umanistica e di quella scientifica si intrecciano in questo affascinante testo che, partendo dall’omonimo libro di Marco Malvaldi e attraverso vicende apparentemente quotidiane, ci sfida a entrare nel complesso rapporto tra letteratura-poesia e scienza.

Francesca e Paolo sono due fratelli, lei umanista e lui scienziato, entrambi hanno due belle carriere di docenti universitari. A un certo punto, quando Paolo lotta per diventare rettore dell’Università, le loro strade si incrociano e vi è lo scontro (e l’incontro) di due diverse concezioni della realtà.
«Non ne posso più di vedere l’Università dominata dalla scienza e dalla tecnica. Sono trent’anni che abbiamo solo rettori che vengono dalla scienza. Non avremo mai un Lucrezio, o un Maxwell, se continuiamo così – riflette Francesca – solo dei tecnici che stringono un pochino più forte una vite progettata da altri».

Il tema del rapporto tra due mondi o, se vogliamo, fra due tipi di conoscenze apparentemente lontani, ma che si intrecciano continuamente nelle nostre vite, è stato il punto di partenza di questo progetto immaginato da Piero Maccarinelli. Nel romanziere-giallista-chimico Marco Malvaldi e nella sua capacità di mescolare sapientemente le profonde conoscenze umanistiche e scientifiche, è stato individuato l’autore più adatto ad intraprendere questo interessante e insolito itinerario. A dar vita alle sue parole ed alle situazioni in cui conoscenza e ironia vanno di pari passo, sono due attori – in più, fratelli d’arte – della levatura di Maddalena e Giovanni Crippa.

Leggi anche  Agrigento, il giardino di Villa Aurea torna agli antichi splendori

L’infinito tra parentesi
di Marco Malvaldi
con Maddalena Crippa, Giovanni Crippa
regia di Piero Maccarinelli
scene di Maurizio Balò
musiche di Antonio Di Pofi
produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia / Teatro della Toscana – Teatro Nazionale / Mittelfest 2019

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione