Cgil, si qualifichi l’aeroporto di Firenze e si attivino sinergie con Pisa

“O Peretola o morte è propaganda, si qualifichi l’Amerigo Vespucci e si attivino fin da subito ulteriori sinergie con lo scalo di Pisa”.

Firenze 15.02.2020.- “La Cgil ha preso atto della decisione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso presentato da Toscana Aeroporti contro la sentenza del Tar Toscana sul nuovo aeroporto di Firenze.
Su questa ormai annosa vicenda della seconda pista la Cgil Toscana con atti formali dei suoi organismi direttivi, con prese di posizione pubbliche dei suoi dirigenti e in pubbliche iniziative, nel corso degli anni, ha sollevato forti perplessità, il nostro giudizio era ‘non positivo’.
A noi sono sembrate evidenti le incompatibilità ambientali di un intervento che tra l’altro prevedeva l’interramento di un pezzo di autostrada e lo spostamento di un laghetto. Non è certo un caso che la Commissione di Via abbia approvato il progetto con ben 142 prescrizioni, così come non è un caso che abbia trovato la contrarietà dei sei comuni della piana e di centinaia di migliaia di cittadini.
La Cgil pensa non si debba dimensionare la pista in funzione della crescita di un modello di turismo insostenibile, si ascoltino le necessità di lavoro e manifattura, non quelle della rendita.
‘O Peretola o morte’ è propaganda, si qualifichi l’Amerigo Vespucci e si attivino fin da subito ulteriori sinergie con lo scalo di Pisa”.

Lo dichiara la segretaria generale della Cgil Toscana Dalida Angelini

————————————

Ufficio Stampa Cgil Toscana e Firenze
Nazzareno Bisogni: cell +39 3929821681, email nbisogni@tosc.cgil.it
Tommaso Galgani: cell +39 3478661659, email tgalgani@tosc.cgil.it
Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui
Se non vedi bene il contenuto della mail clicca qui per vederla su web

Leggi anche  Sicilia: " i più esposti ai rischi alimentari sono i minori" Giorgio Assenza presenta un disegno di legge per la tutela della nutrizione il più sana possibile

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione